In 250 applaudono la nuova Virtus. Bucci: “Li riconquisteremo”


Al via la nuova stagione della Virtus davanti a 250 tifosi presenti all’Arcoveggio. Bucci carica l’ambiente in attesa di completare il roster

Ieri pomeriggio il raduno per la nuova stagione della Virtus

Ieri pomeriggio il raduno per la nuova stagione della Virtus

È iniziata ieri la nuova stagione della Virtus Segafredo, la prima da retrocessa nella storia del club bianconero. Alle 17 alla palestra Porelli di via dell’Arcoveggio erano presenti in 250 tifosi per applaudire e scoprire i volti nuovi al primo allenamento agli ordini di coach Ramagli: unico assente l’americano Kenny Lawson in attesa del visto ed il secondo statunitense che completerà il roster bianconero. Ha parlato il presidente Alberto Bucci dicendo: “E’ fantastico vedere tanti tifosi qui con noi oggi. Hanno sofferto insieme a noi, come noi, e ora sono qui a ricominciare insieme a noi. La Virtus siamo tutti quanti, tutte queste persone, abbiamo un bel passato ma anche un futuro. Ci crediamo e dobbiamo riconquistare il pubblico, se lottiamo in mezzo al campo la gente lo capisce. Abbiamo fatto la squadra anche pensando a questo. Quando presenteremo ufficialmente la squadra parlerò a tutti questi nostri appassionati tifosi. Intanto, che oggi fossero così tanti è stata una sorpresa piacevole. Venerdì lanceremo la campagna abbonamenti, abbiamo preparato qualcosa di toccante, che mi ha emozionato. La squadra è nuova di zecca, e Ramagli metterà la colla per creare la chimica prima possibile. Lui è una persona che stimo, io non sono invadente, ma se avrà bisogno di chiacchierare con me ci sarò sempre. E’ una persona di grande cultura e sa cosa vuole e cosa fare. Oggi ci manca ancora un americano, ma non abbiamo fretta, cercheremo di scegliere bene e ci andiamo con cautela”. Parola anche al gm Julio Trovato che ha dichiarato: “Le prime sensazioni sono molto positive, il primo approccio in spogliatoio è stato importante e siamo partiti nel migliore dei modi. L’americano che deve ancora arrivare? I nomi sono tanti, ma non abbiamo ancora tratto una conclusione defiinitiva. La caratteristica principale che deve avere è quella di inserirsi nel gruppo, dal punto di vista tecnico deve battere l’uomo e creare gioco per sè e per i compagni. Intanto, il clima del primo allenamento è stato bellissimo ed emozionante, siamo entrati in palestra tra gli applausi del pubblico. La società ha una grande tradizione, basta vedere sulle pareti della palestra chi ha giocato e allenato qui, è un onore farne parte”. Infine al termine della prima seduta ha parlato anche coach Alessandro Ramagli: “Oggi abbiamo messo il primo mattoncino della ricostruzione. La nostra parola chiave dovrà essere “entusiasmo”, perché si viene da un anno dove per mille motivi è il morale è finito in basso, e il modo in cui staremo in campo e la carica che metteremo nel nostro lavoro dovrà essere contagioso per tutti quelli che ci staranno intorno. Oggi qui sono venuti tanti tifosi, quelli fedeli, che hanno la passione che va al di là di tutto. Dobbiamo ringraziarli, sapendo che se metteremo l’anima in ciò che facciamo loro sono già la nostra base, e tanti altri si aggiungeranno e saranno pronti a spingerci nella direzione in cui dobbiamo andare”.
Ecco infine i numeri di maglia scelti per la nuova stagione dagli atleti della Virtus: 0 Spissu, 6 Pajola, 7 Spizzichini, 11 Petrovic, 13 Ndoja, 14 Rosselli, 15 Michelori, 19 Oxilia, 24 Penna, 25 Lawson.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *