Donadoni:”Buone possibilità di recuperare Krejci. Su Destro nessun caso”


Roberto Donadoni, alla vigilia di Lazio-Bologna, fa chiarezza sullo stato dei suoi giocatori: Floccari e Donsah recuperati. Su Destro nessun caso

– di Tiziano De Santis –

Roberto Donadoni in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Bologna

Roberto Donadoni in conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Bologna

Dopo la sosta per le nazionali, il Bologna di Roberto Donadoni è chiamato a dover dire la propria nella complicata trasferta dell’Olimpico contro la Lazio di Simone Inzaghi, 4^ in classifica grazie ai 13 punti conquistati sinora e reduce dalle due vittorie consecutive con Empoli e Udinese.
A Casteldebole il tecnico dei felsinei fa subito il punto della situazione, alla luce dell’unico punto ottenuto negli ultimi due match disputati:”Sono tante le difficoltà, a causa anche della sconfitta di due domeniche fa col Genoa. Gli stessi liguri, tuttavia, prima di vincere al Dall’Ara avevano perso la settimana prima. Succede delle volte, ma bisognerà fare bene indipendentemente dal valore dell’avversario che comunque deve essere riconosciuto. Bisogna andare lì con grande determinazione“. I problemi maggiori, però, vengono dall’infermeria e dall’indisponibilità di molti giocatori rossoblu, a cominciare da Ladislav Krejci e finendo a Mattia Destro. Il tecnico bergamasco è chiaro su questo punto:”In questi due giorni Krejci non ha avuto febbre, si è alimentato bene e ci sono buone possibilità di recuperarlo. Oggi lo faremo viaggiare su una carrozza diversa – sdrammatizza Donadoni – A parte gli scherzi, conto di averlo. Floccari ormai ha superato tutti i suoi infortuni. Ogni tanto combatte con qualche tendine che gli reca delle difficoltà. Dal lavoro che è stato fatto è a buon punto, grazie anche all’esperienza; ovvio che, tuttavia, non abbia ancora i 90 minuti nelle gambe. Sadiq lamentava un fastidio al piede ma ieri stava meglio e vorrei testarlo oggi. Non penso che Destro rimanga fuori per il tempo che si è detto sui giornali“.

La delusione di Mattia Destro dopo il ko contro il Genoa (ph. Zimbio)

Secondo Donadoni non c’è nessun “caso Destro” (ph. Zimbio)

Il mister chiarisce, poi, il caso Destro circa la discordia tra i medici del giocatore e quelli del Bologna:”Tra Destro e lo staff medico non c’è assolutamente niente e la fiammella alimentata dà molto fastidio al giocatore e sinceramente anche a me. Destro non ha una sua consulenza medica, nè è vero che i dieci allunghi fatti fare al termine della partitella con la Primavera siano stati un allenamento punitivo. Non esiste nulla di tutto questo. Il ragazzo ha un problemino fisico che va risolto, tutto qui e conto di averlo in quindici venti giorni. Ha un tipo di problema che, quando è forte, solo sulla camminata non gli reca dolore, ma c’è una lesioncina profonda da cercare di sanare. Non ci sono altre verità su Destro a parte il problema fisico. La chiave di lettura deve essere questa, non Destro contro Donadoni o Destro contro i medici del Bologna. Gli attriti sono fatti solo dai giornali, posso garantirlo“. Sull’attacco di domani, l’allenatore rossoblu non si sbilancia:”Floccari sta bene e se non lo si fa giocare i minuti non li avrà mai nelle gambe. Voglio avere delle risposte verbali oltre che fisiche dai ragazzi nel particolare. Sto ancora pensando a chi schierare domani“. Il centrocampo è il reparto cruciale, considerando anche la squalifica di Dzemaili e lo stato fisico di Donsah. Proprio su quest’ultimo, e non solo, il trainer puntualizza:”Lo sto vedendo bene dal punto di vista fisico. Mi sembra che stia iniziando a spingere come lo abbiamo visto fare nel periodo di migliore condizione. Pulgar ha speso delle energie in termine di viaggio e fuso orario, bisogna valutare anche questo nel fare delle scelte“. E la difesa? Il nome caldo è quello di Helander, pronto probabilmente per essere schierato in campo:”Lo abbiamo voluto e lo riteniamo di prospettiva. E’ un professionista estremamente serio e applicato e mette sempre in campo tutto ciò che può. Ovvio che ci siano delle qualità che vanno rapportate con quelle dei compagni di reparto. Non penso di portare con me Torosidis“.

Claudio Lotito, contestatissimo dalla tifoseria (ph. Zimbio)

Donadoni ha ammesso di aver incontrato Lotito dopo la fine della sua avventura al Parma (ph. Zimbio)

Per quanto riguarda il discorso portieri, invece, Gomis ieri ha fatto un allenamento a parte e vorrei sentire Luca Bucci per fare il punto della situazione. Farò le mie scelte in base a questo” spiega Donadoni. C’è, inoltre, l’avversario di fronte, non uno dei migliori, considerando il punto di vista psicologico della rosa di Inzaghi:”La Lazio ha un valore elevato. Immobile è un ottimo attaccante, come molti altri in Italia. E’ un giocatore che sta acquisendo la convinzione necessaria anche per essere nel giro della nazionale e per aver disputato delle partite con la stessa. Le sue capacità facilmente visibile: se gli concedi spazi permettendogli di sfruttare la ‘gamba’, allora può essere molto pericoloso. Bisogna essere molto vicini e attenti in difesa“. Si ritorna, successivamente, alle proprie mura, valorizzandole senza esaltarle:”Non ritengo il Bologna inferiore alla Lazio, poi magari il campo emetterà questo tipo di sentenza ma bisogna avere la consapevolezza nei propri mezzi, soprattutto in partite del genere. A dimostrare la nostra forza, almeno sulla carta, è il numero di nazionali in rosa. A tal proposito, credo che entrare in nazionale sia importante, perchè ti fa crescere: ho visto Krejci contro una corazzata come quella tedesca e sicuramente il ragazzo, come tutti, possono imparare tanto anche e soprattutto da quel tipo di esperienze“. Un piccolo scoop finale viene a galla, quando Donadoni chiarisce il proprio rapporto con Lotito, alla luce dell’incontro che si sarebbe tenuto prima dell’avventura alla guida del Bologna:”Ho incontrato il presidente bianco-celeste dopo Parma, è vero, ma avevamo idee diverse: non abbiamo mai litigato e nulla del genere assolutamente“.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *