Higuain stende il Toro. Super Brozovic a San Siro. Milan k.o. a Roma


Nella 16^ giornata di Serie A, la Juventus si aggiudica il derby di Torino grazie a un super Higuain. Napoli forza cinque. Nainggolan ammazza il Diavolo

– di Tiziano De Santis –

L'esultanza di Milinkovic-Savic e co. dopo il gol dell'1-0 in Sampdoria-Lazio 1-2 (ph. Tuttosport.com)

L’esultanza di Milinkovic-Savic e co. dopo il gol dell’1-0 in Sampdoria-Lazio 1-2 (ph. Tuttosport.com)

E’ tempo della 16^ di Serie A, è tempo delle sfide super nel calcio italiano: il primo anticipo del sabato tra Crotone e Pescara può chiaramente definirsi uno scontro salvezza, alla luce dei 6 e 8 punti conquistati rispettivamente dalla squadra di Nicola e da quella di Oddo. All’Ezio Scida finisce 2-1 per i padroni di casa, capaci di passare in vantaggio con Palladino al 24′, prima di rispondere al pari di Campagnaro, nella ripresa, con Ferrari, autore, all’83’, della rete decisiva che regala 3 punti preziosissimi ai calabresi. Per il Pescara pesa l’errore dal dischetto di Memushaj al 44′, oltre all’espulsione, per doppio giallo, di Aquilani. Se la panchina di Oddo traballa alla grande, quella di Giampaolo, invece, è ben salda nonostante la sconfitta in casa ad opera della Lazio di Simone Inzaghi: le aquile, nella serata del sabato, tornano a volare alte chiudendo la pratica già nel primo tempo: tra il 40′ e il 44′, infatti, Milinkovic-Savic e Parolo mettono in ginocchio per ben due volte Puggioni, prima di testa sul cross di un super Felipe Anderson, poi di piede dopo una triangolazione in corsa del nazionale italiano con lo stesso esterno brasiliano. A nulla vale, per la Sampdoria, il gol della bandiera di Schick all’89’, perchè la partita al Marassi è finita ben 45 minuti prima.

L'esultanza di Gonzalo Higuain dopo il gol segnato in Torino-Juventus 1-3 (ph. Alentandooo.com.ar)

L’esultanza di Gonzalo Higuain dopo il gol segnato in Torino-Juventus 1-3 (ph. Alentandooo.com.ar)

I match più interessanti, senza nulla togliere agli altri, sono quelli della domenica: la scorpacciata di reti offerta dal Napoli nella trasferta di Cagliari è solo il pranzo di una giornata che emetterà delle sentenze importanti per la configurazione dell’alto classifica. Al Sant’Elia va in scena tutto il talento di Dries Mertens: il funambolo belga, su assist di Hamsik, realizza l’1-0 dopo 34 minuti e almeno tre nitide occasioni sprecate dai partenopei, che undici giri d’orologio più tardi, raddoppiano grazie al proprio capitano, bravo a ribadire in gol la deviazione sulla traversa di Storari sul colpo di testa di Insigne. Il dominio totale degli azzurri si concretizza nella ripresa, quando Zielinski e un doppio (in realtà triplo) Mertens spediscono gli avversari nell’agonia degli abissi che si estendono tra i quarti e i quattordicesimi della graduatoria. A seguire all’accademia del Napoli è il derby di Torino tra i Granata di Sinisa Mihajlovic e la Juventus di Massimiliano Allegri: all’Olimpico la rosa di Cairo dà un senso alle parole della vigilia del proprio allenatore, facendo tremare i bianconeri sotto le scosse di tutto il “mondo Torino“. E così è Belotti a realizzare l’1-0 al 16′, sovrastando Lichtsteiner sul cross di Baselli e superando Buffon con un gran colpo di testa. Dall’altra parte, però, a non voler essere da meno. nel duello tra numeri 9, è Gonzalo Higuain: il Pipita al 28′ trafigge Hart ottimizzando al massimo l’assist di Mandzukic, ripetendosi, poi, all’82’ e favorendo, in tal modo, il crollo del Torino; l’1-3 conclusivo porta la firma di Miralem Pjanic, che al secondo minuto di recupero chiude definitivamente i conti e regala ai Campioni d’Italia in carica il pesante +7 sulle dirette inseguitrici.

L'esultanza della Roma al gol decisivo di Nainggolan, valido per la vittoria contro il Milan (ph. Panorama.it)

L’esultanza della Roma al gol decisivo di Nainggolan, valido per la vittoria contro il Milan (ph. Panorama.it)

Se Chievo e Udinese superano in trasferta Palermo e Atalanta rispettivamente per 2 reti a 0 e 3 reti a 1, il Bologna di Roberto Donadoni non continua l’astinenza dal gol nella gara casalinga contro l’Empoli, terminata 0 a 0 sotto la nebbia del Dall’Ara. La stessa nebbia copre San Siro, dove Brozovic illumina, con una doppietta, la serata e la classifica dell’Inter: al 38′, sul corner di Joao Mario, il croato supera Perin con un gran piattone a giro dal limite dell’area; al 69′, lo stesso numero 77 nerazzurro concretizza una bella ripartenza toccando la sfera quel tanto che basta per realizzare il 2-0 per la formazione di Pioli. Termina 2-1, invece, l’incontro tra Fiorentina e Sassuolo: al Franchi, un super Kalinic travolge la rosa di Eusebio Di Francesco, rea di aver riaperto le marcature solo al 76′ con Acerbi: troppo tardi.
Chiude, infine, la 16^ giornata il match dell’Olimpico tra le inseguitrici della Juventus: la Roma di Luciano Spalletti riesce a conquistare il bottino pieno contro un bel Milan,  colpevole di non aver sfruttato la ghiotta occasione, al 27′, su rigore; il secondo errore consecutivo dal dischetto di Niang viene, così, punito nel secondo tempo da Nainggolan, che al 62′, dopo un controllo a seguire da manuale, fa esplodere un sinistro di precisione dai 20 metri su cui Donnarumma non può nulla. I giallorossi salgono a -4 dalla Juventus, l’Aeroplanino Montella, stavolta, vola basso, fermandosi a -7 dalla vetta.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *