Bologna ti ripresento il Sassuolo: Di Francesco fa la conta dei disponibili, Berardi in ombra


Il Sassuolo è reduce da tre sconfitte nelle ultime tre gare al Mapei. Di Francesco continua ad avere problemi di formazione. Stagione difficile per Berardi.

-di Luca Nigro-

Eusebio Di Francesco è alla sua quinta stagione sulla panchina del Sassuolo (ph. zimbio)

Lo scorso anno è stato la vera rivelazione del campionato con la storica qualificazione ai preliminari di Europa League, autentica ciliegina sulla torta di una stagione indimenticabile. Oggi il Sassuolo naviga ben lontano dalle zone alte della classifica e tutto per una serie di fattori facilmente auspicabili all’alba dell’annata in corso. Fermo restando che il Sassuolo è e rimane una squadra con buone qualità, l’aver iniziato la preparazione in forte anticipo rispetto alle alte squadre, per via dei preliminari Europei, ha influito sul rendimento e soprattutto sulla condizione fisica di gran parte dei calciatori a disposizione di Eusebio Di Francesco. E’ chiaro che l’ottimo avvio in campionato, accoppiato alla storica qualificazione ai gironi di Europa League, aveva illuso in molti, anche il presidente Squinzi che addirittura aveva pronosticato un Sassuolo in corsa per un posto alla prossima Champions. Ben presto però ci si è dovuti confrontare con la dura realtà, ovvero di una squadra che al momento, soprattutto per struttura, fatica tremendamente a reggere due competizioni così importanti. Certo, il rendimento negativo degli ultimi due mesi e mezzo del 2016, è riconducibile in parte alla miriade di infortuni che hanno colpito i neroverdi, su tutti quello di Domenico Berardi, ma è il dazio che spesso si paga quando si programma una stagione ricca di impegni così gravosi. Tuttavia dall’inizio del 2017, Di Francesco pian piano sta ritrovando il gioco e in parte i risultati che hanno permesso al Sassuolo di risalire la classifica. Nelle ultime 6 gare sono 7 i punti conquistati ma è curioso che siano arrivati tutti in trasferta: da fine gennaio ad oggi le ultime tre gare giocate al Mapei Stadium contro Juventus, Chievo e Milan, hanno visto il Sassuolo sempre soccombere. Anche nella gara pareggiata a Crotone, il tecnico abruzzese non si è discostato dal fidato 4-3-3 anche se spesso, durante i 90’ di gioco, il Sassuolo cambia pelle passando al 4-2-3-1. Ovviamente tutto dipende anche dagli uomini a disposizione.

Domenica Berardi in ombra. Solo 2 gol fin qui in stagione (ph. zimbio)

I neroverdi soffrono spesso in fase di non possesso, gli inizi di match (9 gol incassati nei primi 15’ di partita) e le palle inattive (ben 13 le reti incassate a gioco fermo) ma sono bravi quando hanno palla al piede, soprattutto nel verticalizzare. Ecco perché il Sassuolo qualche numero importante in fase d’attacco lo ha sfornato. Dei 35 gol complessivi siglati fin qui, 24 sono stati realizzati dal reparto offensivo guidato da Defrel con 8 reti, seguono Matri a 6, Ragusa e Politano a 3, Ricci e Berardi fermi a 2. Lo scarso score del talento calabrese è riconducibile al lungo infortunio avuto e alla precaria condizione fisica e mentale accusata al suo rientro. Ciò nonostante, Berardi rimane uno dei pericoli maggiori per le difese avversarie. In chiave formazione Di Francesco dovrà con ogni probabilità rinunciare, oltre ai lungodegenti, Lirola, BiondiniMagnanelli, anche a Defrel, Antei, Iemmello e Sensi che per tutta la settimana hanno svolto lavoro differenziato. Potrebbe invece recuperare Paolo Cannavaro che andrebbe a far coppia al centro della difesa con Acerbi, sempre impiegato in stagione insieme a Consigli. Non dovesse farcela, Di Francesco recupera l’olandese Letschert, comunque non al meglio. Dunque, a discapito dell’olandese,  Peluso potrebbe essere dirottato al centro con il giovane Dell’Orco a sinistra. A centrocampo rientra dalla squalifica Pellegrini, mentre l’unico ballottaggio è tra Aquilani e Missiroli. In avanti, si va verso la riconferma del tridente composto da Berardi, Matri e Politano. Partita non semplice per il Bologna ma nemmeno proibitiva. La squadra di Donadoni, per tornare alla vittoria, può aggrapparsi anche alle ultime statistiche negative casalinghe dei neroverdi.

Probabile Formazione (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Pellegrini, Aquilani, Duncan; Berardi, Matri, Politano. All.: Eusebio Di Francesco.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *