A Messi il Pallone d’Oro ma l’Italia protesta


Quinto Pallone d’Oro per Leo Messi anche se Conte e Buffon si sono astenuti per protesta. Florenzi solo terzo nel Puskas Award

– di Marco Vigarani –

Quinto Pallone d'Oro in carriera per Lionel Messi (ph. ZImbio)

Quinto Pallone d’Oro in carriera per Lionel Messi (ph. ZImbio)

Leo Messi entra definitivamente nella storia ed ora attende pazientemente che qualcuno possa anche solo pensare di raggiungerlo. Il quinto Pallone d’Oro della sua straordinaria carriera lo issa più in alto di chiunque altro nella storia del calcio, gli permette di staccare il rivale generazionale Ronaldo ormai forse a fine corsa ed anche di pensare ad un ulteriore allungo nei prossimi anni. L’asso del Barcellona macina record ormai da tempo ma mantiene i piedi per terra spiegando: “È incredibile che sia arrivato al quinto: è molto di più di quanto sognassi da bambino. Devo ringraziare il calcio per tutto quello che mi ha dato. Cerco di essere sempre lo stesso e dare tutto per la squadra, ma credo che avrò coscienza di tutto questo solo quando mi sarò ritirato“. La vera pecca di questa carriera strepitosa è rappresentata dall’assenza in bacheca di un Mondiale da protagonista con l’Argentina, missione per la quale restano presumibilmente al massimo due tentativi a Messi tra Russia nel 2018 e forse Qatar nel 2022 e che strappa un commento allo stesso fenomeno argentino: “Se baratterei 5 Palloni d’oro per un Mondiale? È una domanda cattiva, ma il Mondiale è il Mondiale. Scelgo quello“. Certamente pensare che il calciatore scelto per ben cinque volte come migliore al mondo non abbia mai vinto la competizione più importante lascia qualche dubbio sui criteri di assegnazione del titolo pur non ravvisando al momento nel calcio mondiale un talento paragonabile a quello di Messi.

Conte e Buffon in conferenza (ph. Zimbio)

Conte e Buffon non hanno espresso il loro voto per il Pallone d’Oro (ph. Zimbio)

Battuto Ronaldo ma anche Neymar che nei prossimi anni diventerà probabilmente il maggiore rivale per il Pallone d’Oro, Messi ha raccolto un ovvio ampio consenso globale ma non i voti dei due principali rappresentanti del calcio italiano: Antonio Conte e Gianluigi Buffon infatti si sono astenuti per protesta seguendo una linea presumibilmente dettata dalla Federcalcio in seguito all’esclusione dello stesso portiere ormai a fine carriera dai papabili per il premio. Sperando appunto che non si tratti di una scelta autonoma dei due protagonisti, resta comunque una decisione che sta facendo scalpore e che rischia di compromettere anche in futuro il ruolo dell’Italia nelle nuove gerarchie del calcio mondiale vicino alla rivoluzione e ieri per la prima volta orfano di Blatter. I due ex compagni nella Juventus hanno scelto un vero e proprio intervento a gamba tesa che sembra più una ripicca che una mossa politica finemente studiata. Anche perchè di tricolore nella serata di ieri se n’è visto davvero poco visto che Alessandro Florenzi si è classificato soltanto terzo nella corsa al Puskas Award come gol più bello della stagione alle spalle dal brasiliano Wendell Lira e dallo stesso Messi ma anche nella squadra ideale del 2015 troviamo un solo rappresentante del nostro campionato: Paul Pogba che ha comunque mostrato una netta flessione negli ultimi mesi facendo dubitare della bontà anche di questa scelta.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *