A Motegi vince Pedrosa ma Rossi ipoteca il Mondiale


Grande gara di Pedrosa sulla pista di Motegi ma Rossi festeggia comunque il secondo posto che gli consente di volare a +18 su Lorenzo in classifica

– di Marco Vigarani –

Rossi celebra con Pedrosa il buon risultato di Motegi (ph. Gazzetta dello Sport)

Rossi celebra con Pedrosa il buon risultato di Motegi (ph. Gazzetta dello Sport)

Il Giappone sorride a Valentino Rossi che al termine di una gara dai molteplici volti si ritrova a contare ben 18 punti di vantaggio sul primo inseguitore e quindi ad accarezzare davvero il sogno del decimo titolo mondiale. Al via però era stato Lorenzo a scattare davanti sfruttando il fondo bagnato della pista incrementando giro dopo giro un vantaggio apparentemente incolmabile su chiunque mentre da metà gara è scattata la rimonta di Pedrosa. Lo spagnolo della Honda ha approfittato al meglio della pista che si stava asciugando risalendo tutte le posizioni fino a prendere entrambi i contendenti per il titolo e volare via verso la vittoria mentre invece Lorenzo ha ceduto di colpo non trovando un nuovo assetto in grado di farlo resistere all’assalto anche di Rossi che ha potuto quindi chiudere con un ottimo secondo posto. Gara ambivalente per le Ducati che hanno piazzato Dovizioso quinto ma perso per strada Iannone, al primo ritiro stagionale.

Al termine del gp, ecco le parole di Valentino Rossi: “Ogni gara fa storia a sè, Jorge è stato più bravo all’inizio ed in condizioni di completo bagnato avrebbe vinto. Sapevo però che le condizioni sarebbero cambiate, la pista si stava asciugando ed a quel punto è iniziata un’altra gara. Mi sono anche attaccato a Pedrosa per riprendere Lorenzo e così ho guadagnato altri punti molto importanti“. Deluso invece ancora una volta il rivale Jorge Lorenzo: “Sono stato sfortunato con il tempo perchè quando ha smesso di piovere ho perso la spinta che avevo avuto all’inizio della gara e non potevo più reggere il ritmo di Pedrosa e Rossi. Ora punto a vincere le ultime tre gare“.

Classifica piloti
Rossi 283; Lorenzo 265; Marquez 197; Iannone 172; Pedrosa 154; Smith 152;, Dovizioso 150; Cruthclow 98; Petrucci 93; Espargaro P 88; Espargaro A 81; Vinales 74; Redding 73; Hernandez 49; Barbera 30; Baz 28; Bautista 26; Miller e Hayden 16; Bradl 11, Laverty 9; Nakasuga, Di Meglio e Pirro 8; Aoyama 5; Takahashi 4; De Angelis 2.

Classifica squadre
Yamaha 342; Honda 285; Ducati 221; Suzuki 110; Forward Yamaha 33; Aprilia 26; Art 2.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *