Abbonamenti invariati: il Bologna punta (almeno) a quota 13mila


Il Bologna ha deciso di non modificare i prezzi degli abbonamenti per la nuova stagione. Dopo anni di flessione si punta di nuovo a quota 13mila

– di Marco Vigarani –

L'immagine della campagna abbonamenti 2016/17 (ph. Bologna)

L’immagine della campagna abbonamenti 2016/17 (ph. Bologna)

Annunciato il nuovo direttore sportivo Riccardo Bigon, il Bologna riparte ufficialmente da oggi per la nuova avventura in Serie A: la 86esima complessiva e la 70esima dall’istituzione del girone unico nel 1929. Una lunga storia d’amore che ha ovviamente nei tifosi e nel loro atto di fede annuale il suo perno centrale: sottoscrivere l’abbonamento è sempre il punto di partenza della nuova avventura. Quest’anno il claim scelto è Una storia da scrivere insieme abbinato ad immagini da graphic novel già assaporate in occasione della strenna natalizia. Dopo le numerose polemiche dell’anno scorso quando i prezzi subirono un forte rialzo dovuto soprattutto all’eliminazione di alcuni settori, il Bologna ha deciso di non variare in alcun modo il costo delle tessere per l’annata 2016/17. Si tratta di una scelta difficile frutto di numerose consultazioni anche con gli stessi tifosi intesi sia come gruppi organizzati che come privati cittadini contattati nei mesi scorsi per conoscerne l’opinione. Ecco allora che ci si può abbonare in Curva con 190€, nei Distinti con 420€, in Tribuna con 750€ ed in Poltronissima con 1250€, tutte cifre da scontare a seconda di una serie di casistiche che vanno dall’età al sesso (introdotto lo sconto per Under 14) passando per i nuclei familiari ed ovviamente il diritto di prelazione senza dimenticare la possibilità di ratealizzare la spesa e vantaggi negli acquisti dei biglietti. Non è comunque frequente trovare una campagna abbonamenti identica a quella dell’anno precedente a maggior ragione visto che l’obiettivo di stagione in stagione è generalmente sempre più elevato ed anche il Bologna non farà eccezione volendo ambire ad una salvezza ancor più tranquilla puntando magari ad un posto nelle prime dieci squadre della Serie A.

"Una storia da scrivere insieme" è il claim della nuova campagna abbonamenti

“Una storia da scrivere insieme” è il claim della nuova campagna abbonamenti

Non è però passato sicuramente inosservato ai vertici del club felsineo il trend sostanzialmente negativo iniziato nel 2009 e da allora praticamente mai invertito. Allora, subito dopo la penultima promozione in A, furono ben 14500 i tifosi a sottoscrivere la tessera a differenza dei 12734 che la scorsa estate risposero alla chiamata di un Bologna sicuramente più solido a livello gestionale e stimolante per il palato esigente degli appassionati. In questo lasso di sette anni solo in un’altra occasione gli abbonati hanno superato quota 13mila ovvero nella disgraziata stagione 2013/14 conclusa con la retrocessione proprio sotto gli occhi del pubblico del Dall’Ara. Se è vero che l’anno scorso l’incremento rispetto al dato della penultima annata in Serie B è stato netto (+25%), va sottolineato altresì che la media delle presenze allo stadio tra abbonamenti e biglietti non ha superato neanche quota 19mila fermandosi a cifre ben distanti addirittura da quelle della gestione di Guaraldi che oltrepassava le 21mila presenze. Evidentemente le prospettive offerte dalla presidenza di Joey Saputo sono ben diverse ed allora quest’anno il Bologna ha deciso di portare avanti la campagna di rafforzamento dell’organico senza chiedere ulteriori sforzi economici ai propri tifosi: si punta a riportare al Dall’Ara il pubblico che ha applaudito Baggio, Signori e Di Vaio ma anche a fidelizzare nuove generazioni da strappare al fascino delle grandi squadre magari sfruttando la nuova area dedicata alle famiglie più ampia e dal prossimo anno adiacente alla Curva Bulgarelli, il cuore pulsante del tifo rossoblù. L’obiettivo è idealmente fissato nel tornare sopra quota 13mila abbonati e puntare ad una presenza media di 20mila spettatori per partita.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *