Adriano, il ritorno. Ma il suo Miami United perde 5-0 nel derby


Dopo tre anni e mezzo l’Imperatore torna in campo nella NPSL (quarta lega statunitense), ma il suo club subisce un pesante ko nel derby

– di Luigi Polce –

Il tweet del Miami United prima del derby contro i Fusion, poi perso 5-0 (ph. twitter)

L’immagine tweettata dal Miami United prima del derby contro i Fusion, poi perso 5-0 (ph. twitter)

Toh, chi si rivede! Vi ricordate di Adriano Leite Ribeiro, l’Imperatore che in Italia sembrava potesse far sfracelli con la maglia dell’Inter ma che poi si è perso per strada causa una vita un po’ troppo sregolata? Ecco, a tre anni e mezzo dalla sua ultima esperienza al Corinthians l’attaccante brasiliano è tornato in campo. A 34 anni suonati, l’ex Roma è stato infatti ingaggiato lo scorso gennaio dal Miami United (franchigia di NPSL, quarta lega statunitense), firmando un accordo da 10mila dollari mensili con tanto di bonus legato alla vendita delle sue magliette. Assieme a lui anche il figlio di Cafù, Welington Feliciano, e l’honduregno Leon, 37 primavere e una lunghissima esperienza in Italia con le casacche, tra le altre, di Reggina, Fiorentina, Genoa, Parma e Torino. L’esordio con la nuova casacca però non è stato esattamente da ricordare: nel Clasico di Miami contro i Fusion, lo United di Adriano ha incassato una sonora sconfitta per 5 reti a 0, nonostante l’enorme attesa per il match come dimostrato dal tweet lanciato dall’account ufficiale del club. “Mi mancava l’allegria di giocare, l’emozione di segnare un gol. Ecco la ragione principale che mi ha spinto a tornare. La strada per rivedere il vero Adriano sarà lunga, ma spero di poter tornare a mostrare il mio potenziale e aiutare la squadra a vincere”, aveva detto l’Imperatore nel giorno della sua presentazione. Ecco, diciamo che l’inizio non è stato proprio incoraggiante. Ad Adriano il compito di invertire immediatamente la rotta, per regalare (e regalarsi) un finale di carriera quantomeno dignitoso.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *