Ag. Gunnarsson: “Non ho sentito il Bologna, Aron è da top club”


Parla in esclusiva l’agente De Koning, procuratore dell’eroe islandese Aron Gunnarsson che è stato accostato al Bologna negli ultimi giorni

– di Marco Vigarani –

Se c’è una squadra che in queste settimane sta unendo le preferenze di tutti gli appassionati di calcio europei è sicuramente l’Islanda. I ragazzi di coach Lagerback stanno dando a tutti una dimostrazione incredibile sulla forza del lavoro di gruppo e raccogliendo l’invidia di tanti tifosi che vorrebbero potersi identificare in quella festante marea blu che sta riempiendo gli stadi francesi. A guidare l’Islanda in ogni battaglia sul campo c’è il suo capitano Aron Gunnarsson, centrocampista 27enne e leader indiscusso che prende il comando anche delle esultanze di fine gara. Abbiamo voluto conoscere meglio questo dirompente fenomeno del calcio mondiale ed il suo uomo simbolo e quindi abbiamo intervistato il suo procuratore Jerry De Koning dell’agenzia The King Holding BV.

Aron Gunnarsson è il leader dell'Islanda che sta sorprendendo tutti a Euro 2016 (ph. Zimbio)

Aron Gunnarsson è il leader dell’Islanda che sta sorprendendo tutti a Euro 2016 (ph. Zimbio)

Jerry provi a spiegarci come nasce questa Islanda sorprendente che si sta accaparrando con merito le luci della ribalta di Euro 2016?
In realtà non sono sorpreso dai risultati ottenuti da Aron e dai suoi compagni e credo che, dopo la vittoria del Leicester in Premier League, i successi dell’Islanda siano il sintomo di un cambiamento. Non è una coincidenza: oggi le squadre ben organizzate e dotate di una grande forza mentale possono raggiungere qualsiasi obiettivo. Tutto sta nel concetto di cooperazione contrapposto a quello di competizione. Viviamo in tempi difficili e lavorare insieme non può che essere un valore aggiunto. Anche l’Italia mi sembra che abbia sposato questa filosofia preferendo il valore del gruppo a quello dei singoli lottando fianco a fianco per conquistare il risultato centimetro dopo centimetro”.

All’interno di questo sistema di gioco quale ruolo ricopre il tuo assistito Aron Gunnarsson?
Lui è il cardine dell’Islanda, l’anello di congiunzione tra fase offensiva e difensiva. Tatticamente è ordinato e se guardiamo le statistiche scopriamo che ha dato il suo apporto praticamente ad ogni gol segnato dalla Nazionale in questo Europeo. Ovviamente emerge subito la sua determinazione feroce ma non bisogna dimenticarsi anche che Aron è dotato di un ottimo tocco di palla tanto che spesso nel Cardiff gioca anche come centrocampista box to box. In Italia so che l’olandese De Roon viene considerato un grande calciatore e che il ragazzo andrà in Premier League per un sacco di soldi ma al suo confronto Gunnarsson è una vera stella!”.

Gunnarsson ai tempi del Coventry City (ph. Zimbio)

Gunnarsson ai tempi del Coventry City (ph. Zimbio)

Come nasce Aron Gunnarsson, il leader che tutta Europa sta ammirando con la maglia dell’Islanda?
Da ragazzo era uno dei migliori talenti della pallamano islandese, suo fratello è un giocatore professionista mentre invece ad Aron è rimasta un’incredibile capacità nelle rimesse laterali. Arrivò in Olanda a 16 anni ed inizialmente fece molta fatica ad adattarsi alla nuova realtà ma quelle difficoltà ne forgiarono il carattere che oggi ammiriamo. Quando poi passo al Coventry City venne acquistato come innesto per le giovanili e nessuno si sarebbe mai aspettato di vederlo in campo con la prima squadra: dopo una pre-stagione fantastica si conquistò il posto e a fine stagione venne scelto come miglior calciatore dell’anno. Al Cardiff poi ha completato la sua maturazione“.

Pensi che sarà l’estate dei calciatori islandesi sul mercato?
Attualmente molti giocatori islandesi sono ancora tesserati per club di livello medio e penso proprio che nelle prossime settimane riceveranno molte richieste. È assolutamente naturale a causa della grande esposizione dovuta alla vetrina di Euro 2016 e ritengo anche che gli acquirenti dovranno pagare caro per ottenerne il cartellino. I calciatori islandesi sono sempre stati sottovalutati e c’era bisogno di questa affermazione collettiva per farli notare agli occhi di tutto il mondo”.

Gioia incontenibile per l'Islanda dopo la vittoria sull'Inghilerra (ph. Zimbio)

Gunnarsson guida anche le esultanze della sua Islanda (ph. Zimbio)

Qual è attualmente la condizione contrattuale di Gunnarsson?
Aron ha altri due anni di contratto con il Cardiff City e non sappiamo quali saranno le intenzioni del club. Sicuramente sto ricevendo una miriade di interessamenti da tutta Europa ma non intendo assolutamente prendere decisioni affrettate”.

Si è parlato di un interessamento del Bologna nei suoi confronti, cosa puoi dirci al riguardo?
Non ho avuto alcun contatto con il Bologna. Se saranno interessati a Gunnarsson sono sicuro che si faranno vivi ma per ora non ho mai parlato con nessuno del club. Devo dire però che il calcio italiano sarebbe sicuramente adatto alle caratteristiche di gioco di Aron”.

Porte aperte quindi per un futuro in Italia?
Prima di tutto dobbiamo trovare un ambiente stabile e sereno nel quale lui e la sua famiglia (ha una ragazza ed un bambino di un anno) possano adattarsi al meglio. A livello di potenziale però credo che Aron sia più che pronto per il calcio italiano. Lo considero un mix tra Gattuso e Kanté quindi può tranquillamente giocare anche in un top team della Serie A e non mi meraviglierei di ricevere a breve una telefonata dai 4/5 migliori team italiani. Del resto ha già giocato anche contro Cristiano Ronaldo ed in quella partita non ho notato molto il portoghese!”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *