Al Dall’Ara gioca solo la Juventus. Bologna assente e sconfitto 0-3


Prestazione deludente del Bologna che crolla sotto i colpi di Pjanic, Mandzukic e Matuidi. Rossoblù mai pericolosi e Juventus padrona del campo

– di Marco Vigarani –

Mirante vede il pallone calciato da Pjanic spegnersi in fondo alla rete (ph. Zimbio)

Dopo il ko di San Siro, arriva per il Bologna la seconda sfida di altissimo profilo contro i campioni in carica della Juventus. Per affrontarli mister Donadoni sceglie a sorpresa il baby Okwonkwo dal primo minuto in attacco ma anche Mbaye sulla destra, recuperato dopo i problemi dell’ultima settimana. Meno sorprendente l’esclusione di Dybala operata da Allegri in favore di Douglas Costa a completare il terzetto d’attacco con Higuain e Mandzukic. La gara si apre all’insegna del totale equilibrio con i bianconeri che prendono lentamente il possesso delle operazioni ma i padroni di casa abilissimi a chiudere le linee di passaggio mantenendo un buon pressing sui portatori di palla avversari. Poli è un gladiatore in mezzo al campo, Destro cerca di mettere sempre pressione ma la prima grande occasione è per Donsah che al 25’ purtroppo conclude debolmente dal limite dopo un bel recupero ed una rapida cavalcata. Punta sul vivo, la Juventus trova però immediatamente il vantaggio con un grande calcio di punizione calciato da Pjanic che sorprende Mirante, partito con colpevole ritardo. Nel Dall’Ara ammutolito riprendono vigore i dubbi sulle prestazioni recenti dell’estremo difensore ma il Bologna non si scompone, continua a giocare con discreto ordine senza però portare grandi pericoli dalle parti di Szczesny e così al secondo affondo arriva anche il raddoppio juventino. Lancio con il contagiri di Pjanic, Mandzukic stoppa di petto e con il mancino batte nuovamente Mirante in uscita: al 37’ la partita sembra già finita.

Il gol del raddoppio segnsto da Mario Mandzukic (ph. Zimbio)

Dopo l’intervallo nessun cambio ma Juventus più aggressiva e determinata nel far calare immediatamente il sipario sulle velleità dei felsinei. Nello scacchiere tattico il primo a fare una mossa è Donadoni che nell’incredulità generale toglie Destro per inserire Petkovic prendendosi anche qualche fischio dagli spalti per la scelta. L’assedio all’area di Mirante non si interrompe e così arriva il tris bianconero al 64’ con un mancino al volo dal limite di Matuidi che punisce una respinta corta della difesa rossoblù. La risposta di Donadoni sta tutta nella sostituzione di Donsah con il fantasista Falletti passando al 4-2-3-1 per poi inserire anche Krejci al posto di Okwonkwo ma la sua squadra non si rianima più. Allegri sceglie Bernardeschi per Douglas Costa dichiarandosi palesemente soddisfatto del 3-0 maturato nella prima ora di gioco, arriva poi anche il momento di Dybala per Mandzukic mentre diverse centinaia di tifosi iniziano a lasciare lo stadio ad oltre venti minuti dal triplice fischio: lo spettacolo quest’oggi non è mai iniziato. L’ultimo ad entrare è Marchisio al posto di Pjanic ma la gara ormai si è ampiamente conclusa.

Si potrebbe commentare questa sconfitta (la seconda consecutiva) ammettendo l’enorme differenza con l’avversario o magari accontentandosi dell’ordine tattico e della buona volontà mostrate nella prima mezz’ora dagli uomini di Donadoni. La realtà però è che abbiamo avuto l’ennesima riprova di quanto l’assenza di motivazioni e l’attesa di un futuro radioso e lontano possano uccidere competitività ed entusiasmo. Se il prossimo futuro del club gestito da Saputo non prevederà veri rinforzi in grado di alzare subito il livello della squadra, non sarà possibile immaginare scenari differenti da quello visto oggi al Dall’Ara.

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Al Dall’Ara gioca solo la Juventus. Bologna assente e sconfitto 0-3

  1. Giuseppe iori

    Questi donadoni ultfinalmente non ne azzecca una. Sempre una nuova formazione.se dobbiamo giocare per non perdere tanto vale mettere più difensori.
    Faccia giocare Costa che forse è meglio. E giochiamo per vincere queste partite, altrimenti ci troviamo a giocare per non reoctredere.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *