Alla scoperta del Bari di Nicola


Presentazione del Bari, prossimo avversario del Bologna, che nel sedicesimo turno di B sarà ospite dei rossoblù al Dall’Ara nel lunch match di domenica

– di Massimo Righi –

Mister Davide Nicola, neo allenatore del Bari (ph. la nazione)

Mister Davide Nicola, neo allenatore del Bari (ph. la nazione)

Cenni storici – Il Bari nasce nel 1908 ma solo dal 1924 partecipa in maniera rilevante al campionato italiano. La società pugliese ha partecipato per lo più a campionati di serie A e serie B nel corso del proprio percorso calcistico, con fugaci apparizioni anche in C (solo 7 volte). La striscia di stagioni consecutive disputate in A più lunga va dal campionato 1934/35 al 1940/41, mentre per il resto della propria storia, il Bari si è alternato spesso fra A e B, a cavallo di repentine promozioni e retrocessioni. Nel 2008, il club ha festeggiato il centenario. Nel marzo 2014, appena 8 mesi fa, il Bari è fallito ma tramite un percorso di auto-fallimento, il club ha mantenuto la categoria sotto la supervisione di due curatori fallimentari. L’ex arbitro Gianluca Paparesta ha rilevato la società per circa 5 milioni di euro ed ora ne è presidente. I tifosi ed i giocatori del Bari sono soprannominati “galletti” per via dello stemma del club nel quale figurava un galletto. Da quest’anno però, il logo è cambiato e del galletto è rimasta solo la folcloristica cresta rossa.

L’allenatore – Il tecnico del Bari è Davide Nicola, subentrato a Devis Mangia da appena dieci giorni. Nato in provincia di Torino nel 1973, Nicola ha iniziato ad allenare solamente nel 2010, quando ha guidato il Lumezzane per due stagioni. Dal 2012 al 2014 ha invece occupato la panchina del Livorno dove ottiene una promozione in serie A, senza però riuscire a mantenere la categoria a giugno. Dopo aver rescisso con la società toscana a luglio, è tornato ad allenare a seguito della recente chiamata del Bari. Mister Nicola predilige giocare con il 3-5-2, variando all’occorrenza verso il 3-4-1-2 a seconda delle esigenze.

La squadra – Rispetto allo scorso anno, il Bari ha cambiato parecchi giocatori dato il riassetto societario che la società in mano a Paparesta, ha dovuto operare dopo il fallimento pilotato avvenuto nella prima parte dell’anno solare. Gli acquisti del club sono stati mirati nell’ottica di disputare un campionato di vertice. In porta è arrivato Donnarumma dal Genoa, mentre la difesa con gli acquisti di Ligi, Contini, Camporese, Masi e Salviato è stata fortemente rinnovata, con la conferma di Sabelli. A centrocampo, a Sciaudone, Defendi e Romzi, sono stati aggiunti Stevanovic, Wolski e il ritrovato Massimo Donati, già al Bari dal 2009 al 2012. In attacco, a rinforzo di Galano e Caputo sono arrivati Stoian, De Luca, Rozzi, andando a comporre un reparto offensivo che conta finora 12 reti complessive.

Formazione ideale – Considerando una formazione che si basi sul 3-5-2 con possibilità che diventi 3-4-1-2, Nicola potrebbe disporre della seguente formazione tipo (in maiuscolo i nuovi), tenendo presente che giocatori come De Luca, Stevanovic e Wolski sono scelte di primo piano: DONNARUMMA; LIGI, CONTINI, CAMPORESE; Sabelli, DONATI, Sciaudone, Romizi, Defendi; GALANO, CAPUTO

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *