Alla scoperta del Benevento, Corrado: “Baroni riconferma il 4-4-2. Bologna stai attento a Ciciretti e al Vigorito”


Roberto Corrado, giornalista di cronachedelsannio.it, ci presenta il Benevento. Baroni ripropone il 4-4-2. Ciciretti e il Ciro Vigorito le armi in più.

-di Luca Nigro-

Marco Baroni, artefice della storica promozione in serie A, è al suo secondo anno sulla panchina del Benevento (ph. zimbio)

In casa delle “streghe” di Benevento è sfida inedita per il Bologna. Sarà la prima volta in assoluto in serie A ma anche la prima volta in un campionato nella storia dei due club che mai finora, in un secolo, hanno incrociato le loro strade. Il Benevento domenica a Marassi contro la Sampdoria ha debuttato per la prima volta in massima serie dopo 88 anni dalla nascita. La squadra di Marco Baroni, seppur uscita sconfitta all’esordio, ha interpretato la gara senza grossi timori reverenziali riuscendo in più di un’occasione a dare del filo da torcere ai blucerchiati grazie ad un’innata vocazione offensiva. Un 4-4-2, quello del tecnico toscano, molto dinamico, pungente e spregiudicato fatto di continue verticalizzazioni e molto pericoloso soprattutto sulle fasce dove i due esterni offensivi, D’Alessandro e Ciciretti, hanno fatto ammattire i dirimpettai sampdoriani Sala e Pavlovic. Il protagonista assoluto è stato l’ex romanista autore di un gol capolavoro e di ben 54 palloni giocati. I campani contro la Samp hanno tirato ben 6 volte verso la porta di Puggioni nei primi 20’ con un totale di 18 conclusioni al termine dei novanta minuti. Da registrare ancora difesa e centrocampo, soprattutto l’ex Lazio Cataldi apparso in affanno domenica scorsa. Ex di turno Andrea Costa al centro della difesa e Massimo Coda in attacco. A Bologna Coda non ha lasciato il segno ma nelle ultime due stagioni ha realizzato 33 reti in B con la maglia della Salernitana. Per i giallorossi adesso è già tempo di pensare alla prossima sfida col Bologna. Il Ciro Vigorito, per questa prima assoluta in terra sannita, si preannuncia un’autentica bolgia. Il giornalista di cronachedelsannio.it Roberto Corrado, ci presenta i giallorossi e ci spiega in modo dettagliato quale sarà l’undici anti-Bologna: “Della trasferta di Genova contro la Sampdoria resta soltanto la buona prova offerta dalla truppa di Baroni, la quale è subito chiamata al riscatto contro il Bologna, in una gara nella quale il tecnico toscano, pur non reputandosi affatto un’integralista, non cambierà l’assetto tattico di partenza, con il Benevento che si schiererà in campo con il 4-4-2.

I giocatori del Benevento festeggiano il vantaggio contro la Sampdoria (ph. zimbio)

Rispetto al match contro i blucerchiati, mister Baroni potrà fare affidamento su Chibsah ed Eramo, anche se quest’ultimo è in lista di sbarco e tale ipotesi prende sempre più piede dal momento in cui il club giallorosso conta quanto prima di inserire almeno un altro elemento in mediana. C’è poi Fabio Ceravolo, il bomber calabrese da settimane ormai è alle prese con un problema di pubalgia e come detto dal tecnico nel corso della conferenza stampa di mercoledì, dovrebbe comunque essere a disposizione per la sfida al Bologna. Con ogni probabilità, domani partirà dalla panchina e quindi la coppia offensiva sarà formata nuovamente da Coda e Puscas. Non cambieranno neppure gli esterni di centrocampo, Ciciretti e D’Alessandro, che restano allo stato attuale gli unici due esterni offensivi sul quale mister Baroni può fare affidamento. Potrebbe esserci, invece, una modifica in mediana, con Viola preferito a Del Pinto a fianco di Cataldi.  Senza dimenticare, come già detto in precedenza, che torna tra gli arruolabili anche Chibsah. In difesa e davanti a Belec, rispetto alla gara di Genova la linea a quattro sarà formata dai terzini Letizia, che si sposta a destra prendendo il posto di Venuti, e Di Chiara a sinistra dal 1’, con capitan Lucioni e Costa al centro”.
La Chiave – Corrado, in chiusura, spiega quali aspetti possano far girare il match in favore del Benevento: Il Bologna, e una dimostrazione giunge dal fantastico gol realizzato al “Ferraris”, dovrà fare attenzione soprattutto alla fantasia di Ciciretti, un elemento che può illuminare una gara da un momento all’altro e anche all’inizio della scorsa stagione, insieme a Falco, ha rappresentato il punto di forza dei giallorossi. Attenzione poi al “Vigorito”, autentica bolgia e dove gli stregoni sono chiamati a costruire la gran parte della propria salvezza in massima serie”.

Probabile formazione (4-4-2): Belec; Letizia, Lucioni, Costa, Di Chiara; Ciciretti, Cataldi, Viola, D’Alessandro; Puscas, Coda. All.: Marco Baroni.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *