Alla scoperta del Catania di Sannino


Presentazione del Catania, prossimo avversario del Bologna, che nel diciassettesimo turno di B ospiterà i rossoblù al Massimino sabato pomeriggio

– di Massimo Righi –

Giuseppe Sannino, tecnico del Catania (ph. Zimbio)

Giuseppe Sannino, tecnico del Catania (ph. Zimbio)

Cenni storici – Il Catania nasce nel 1908 ma il Calcio Catania viene fondato solo più tardi, nel 1946. Otto anni dopo, il club rosso azzurro venne promosso in serie A per la prima volta rimanendoci per un solo anno. Negli anni ’60, gli etnei tornarono nella massima serie dove rimasero per 6 stagioni, record consecutivo superato solo in tempi recenti, quando sotto la presidenza di Pulvirenti, il club ha giocato in A in pianta stabile per 8 anni dal 2006 al 2014, prima di retrocedere nuovamente. I colori sociali del club sono il rosso, come il fuoco dell’Etna, e l’azzurro, come il colore del cielo. L’elefante che si trova nello stemma, è il simbolo della città.

L’allenatore – L’allenatore del Catania è Giuseppe Sannino. Napoletano di nascita ma piemontese d’adozione, siede sulla panchina etnea da settembre, in seguito all’esonero dei Maurizio Pellegrino. Dopo una lunga e variegata gavetta, Sannino sale alla ribalta durante l’esperienza a Varese in serie B nel triennio 2008/2011, dove arriva in B dalla Lega Pro seconda divisione. L’impresa del tecnico cattura l’attenzione di diverse squadre ed il Siena decide di affidargli la prima panchina di serie A. Dopo una tormentata esperienza al Palermo, nel 2013 Sannino passa al Chievo ma dopo 13 partite viene esonerato. Nel dicembre dello stesso anno, accetta l’offerta del Watford nella B inglese ma dopo il 13° posto conquistato, si dimette dall’incarico all’inizio del campionato successivo. Da quando è giunto nel club rosso azzurro, Sannino ha adottato il modulo 4-1-4-1, nonostante nella sua esperienza inglese si fosse affidato spesso al 3-4-1-2 e Palermo al 3-5-2.

La squadra – Dopo la retrocessione in serie B e la partenza di alcuni big come Bergessio, Lodi e Maxi Lopez, il club ha acquistato giocatori importanti e funzionali per la categoria come Rosina, fantasista in uscita dal Siena, bomber Calaiò dal Napoli via Genoa, l’argentino Calello, il difensore Sauro dal Basilea ed il rientrante brasiliano Martinho dopo i prestiti a Cesena e Verona. A questa ottima campagna di rafforzamento, gli etnei aggiungono le conferme di giocatori come Spolli, Peruzzi e Monzon in difesa, Almiron e Rinaudo a centrocampo e di Leto in attacco.

Formazione ideale – Considerando il modulo 4-1-4-1 adottato da mister Sannino, il Catania si schiera come segue (in maiuscolo i nuovi): Frison; Peruzzi, Monzon, SAURO, Spolli; Almiron; Rinaudo, MARTINHO, ROSINA, Leto; CALAIO’

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *