Alla scoperta della Pro Vercelli di Scazzola


Presentazione della Pro Vercelli, prossima avversaria del Bologna che nel ventesimo e penultimo turno di B, sarà ospitata al Dall’Ara mercoledì, alla vigilia di Natale

– di Massimo Righi –

Il tecnico della Pro Vercelli Cristiano Scazzola (ph. Giorgio Morera)

Il tecnico della Pro Vercelli Cristiano Scazzola (ph. Giorgio Morera)

Cenni storici – Nel 1903 nasce la sezione calcistica della Pro Vercelli. Dopo soli 5 anni dalla sua nascita, i piemontesi vincono il loro primo campionato italiano nel 1908, cui faranno seguito ben altri 6 scudetti, tutti vinti agli albori del calcio italiano. Il club vinse addirittura 3 campionati di fila dal 1910 al 1913, risultando una delle realtà calcistiche di punta del Paese. Nonostante la Prima Guerra Mondiale, la Pro Vercelli tornò a vincere non appena il campionato riprese, mettendo in bacheca i campionati 1921 e 1922. Con l’avanzare del professionismo dilagante e la cessione dei migliori giocatori, la squadra scomparve dai primi posti della classifica fino a retrocedere in B per la prima volta nel 1934. Da quella stagione, la Pro non vedrà più la serie A giocando solo nelle divisioni inferiori. Una parziale rinascita calcistica avverrà solo dopo anni di campionati giocati al di sotto della B, quando nel 2012 i piemontesi hanno riconquistato la cadetteria.

L’allenatore – Mister Cristiano Scazzola è nato in provincia di Savona nel 1971 ed ha giocato per vent’anni dal 1990 al 2010 come ala destra, formandosi nelle giovanili del Genoa. Dopo aver chiuso la carriera da calciatore legando il suo nome a piazze come Fiorenzuola, Modena ed Alessandria, Scazzola ha iniziato ad allenare la Pro Belvedere di Vercelli, sua ultima squadra da calciatore. Nel 2010 è passato alle giovanili della Pro Vercelli, di cui dal 2013 allena la prima squadra. Il suo modulo prediletto è il 4-3-3, che ha fedelmente utilizzato durante la stagione in corso.

La squadra – Dopo la promozione in serie B, la Pro Vercelli si è rafforzata sul mercato acquistando l’esperto centrale difensivo Coly dal Cittadella ed i terzini Liviero e Ferri, puntellando il reparto arretrato già composto da uomini affidabili come Cosenza e Scaglia. A centrocampo, i piemontesi hanno aggiunto Luca Castiglia dalla Juventus, il brasiliano Ronaldo dall’Empoli e il promettente Belloni in prestito dall’Inter, mentre sono stati confermati Emmanuello, Germano e Scavone, protagonisti della promozione. In attacco, dopo aver trattenuto bomber Ettore Marchi, sono stati acquistati Di Roberto dal Varese, Ragatzu dal Lanciano, per quest’ultimo si tratta però di un ritorno, oltre al giovane Beretta dal Lecce via Milan.

Formazione ideale – Considerando il 4-3-3 come modulo cui si affida Scazzola, si può immaginare che la formazione migliore della Pro Vercelli sia la seguente (in maiuscolo i nuovi arrivati), considerando che sicuramente mancherà Coly per via delle 3 giornate di squalifica che deve scontare: Russo; FERRI, COLY, Cosenza, Scaglia; Scavone, Germano, BELLONI; BERETTA, MARCHI, DI ROBERTO.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *