Alla scoperta dello Spezia di Bjelica


Presentazione del prossimo avversario del Bologna, che nel quindicesimo turno di B ospiterà il Bologna al Picco sabato pomeriggio

– di Massimo Righi –

L'allenatore dello Spezia Nenad Bjelica

L’allenatore dello Spezia Nenad Bjelica

Cenni storici – Lo Spezia nasce nel 1906, ma le attività calcistiche della società prendono il via solo cinque anni più tardi. Il club bianconero ha disputato la più parte dei suoi campionati professionistici nell’attuale Lega Pro ed ex serie C, avendovi partecipato 40 volte. Nella serie B invece ha militato 26 volte, compresa la stagione in corso, mentre in massima divisione ha partecipato solamente in 4 occasioni, tutte antecedenti alla costituzione del girone unico (1929). Nel proprio palmarès, il club vanta un titolo nazionale, riconosciuto come titolo onorifico solo nel 2002, coincidente con la vittoria del Campionato di Guerra del 1944, conquistato dai Vigili del Fuoco di La Spezia. Nel 2008 il club è fallito per poi rinascere nel luglio dello stesso anno sotto la presidenza di Gabriele Volpi. Nel 2005 e nel 2012, il club spezzino ha anche vinto due Coppe Italia di Lega Pro.

L’allenatore – La guida tecnica dello Spezia c’è il tecnico croato Nenad Bjelica. Classe ’71, nativo di Osijek, in Slavonia, regione confinante con la Serbia, si è ritirato dal calcio giocato nel 2008, dopo aver vestito 9 volte la maglia della nazionale croata. La sua carriera di calciatore si è divisa fra Croazia, Spagna, Germania ed Austria, prima di diventare allenatore dell’ultimo club nel quale ha militato, l’Austria Kranten, che ha guidato per due anni prima di passare al Lustenau. La sua carriera è proseguita sempre in Austria nel WAC e poi all’Austria Vienna, prima di sbarcare in Italia per allenare lo Spezia dall’estate scorsa. I moduli di gioco finora utilizzati da mister Bjelica sono il 4-2-3-1 con cui ha iniziato il campionato ed il 3-5-2, che utilizza consecutivamente da diverse giornate e che ha permesso alla squadra di trovare maggiore equilibrio.

La squadra – La rivoluzione estiva che ha visto partire una buona parte dei giocatori in rosa lo scorso campionato, lo Spezia ha acquistato il portiere del River Plate Leandro Chichizola, il difensore Piccolo, di ritorno dopo 4 anni di campionato rumeno ed ha rinforzato la batteria degli esterni con l’acquisto di De Col e Valentini che stanno figurando ottimamente rispondendo alle referenze. A centrocampo, l’arrivo dei croati Brezovec, Canadjija e dello spagnolo Juande, ha alzato la qualità in mezzo al campo, aggiungendosi all’esperienza di Schiattarella, Sammarco. In attacco, l’arrivo di Aredmagni e del giovane Giannetti, unitamente ai già presenti Ebagua e Catellani, ha fornito allo Spezia un attacco di primo livello, che poche altre squadre in B possono vantare.

Formazione ideale – Presumendo che Bjelica prosegua sulla strada del 3-5-2, la formazione ideale di cui il tecnico croato può disporre è la seguente, considerando anche le qualità e le presenze maturate sinora in serie B (in maiuscolo i nuovi): CHICHIZOLA; Piccolo, Datkovic, Ceccarelli; Migliore, Schiattarella, JUANDE, BREZOVEC, VALENTINI; Ebagua, Catellani.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *