Ancora grande cuore Atletico, il Bayern va ko


L’Atletico Madrid si aggiudica di misura la semifinale d’andata di Champions League contro il Bayern al termine dell’ennesima gara di grande lotta e sacrificio

– di Marco Vigarani –

Grande gol di Saul nella gara di andata tra Atletico Madrid e Bayern (ph. Zimbio)

Grande gol di Saul nella gara di andata tra Atletico Madrid e Bayern (ph. Zimbio)

Oltre al fenomenale Leicester di Ranieri che rappresenta la favola di Davide contro Golia, c’è un’altra squadra che sta conquistando sempre più simpatie. È l’Atletico Madrid di Simeone che, partendo spesso sfavorito dal pronostico, mette in campo tutte le energie fisiche e mentali per far ricredere anche i più scettici. Eliminato il Barcellona dei marziani, si è parato sulla strada dei Colchoneros il Bayern dell’ex vate blaugrana Guardiola ma il risultato non è cambiato: pronti alla battaglia dal primo istante, gli uomini del Cholo hanno vinto usando testa e cuore. Lo scarto di una sola rete non chiude affatto il discorso qualificazione ma l’atteggiamento mostrato in campo ha sicuramente intimorito i bavaresi che non sono stati in grado di capitalizzare lo sforzo compiuto in termini di possesso palla. Il vantaggio dell’Atletico è arrivato dopo pochi giri di lancette preannunciato da qualche tentativo velleitario: all’11esimo Saul si è prodotto in una strepitosa azione personale conclusa con un mancino a giro che si è insaccato facendo esplodere il Calderon.  Un paio di tentativi del Bayern, dominatore del possesso palla, non sono serviti a far tremare i ragazzi di Simeone che anzi hanno cercato il raddoppio prima dell’intervallo con Griezmann lanciato in contropiede.

Decisivo anche il portiere dei Colchoneros Oblak (ph. Zimbio)

Decisivo anche il portiere dei Colchoneros Oblak (ph. Zimbio)

Dopo l’intervallo i tedeschi hanno mostrato il loro profilo migliore abbinando alla qualità di gioco una buona dose di cinismo e perseveranza colpendo una traversa dopo una decina di minuti con Alaba e finendo per assediare la metà campo iberica. Guardiola ha deciso di giocarsi tutte le carte migliori inserendo anche Ribery e Muller finendo per schiacciare definitivamente l’Atletico nella propria area di rigore ma non riuscendo a violare la porta di un fantastico Oblak, di nuovo decisivo su Vidal. Come un fulmine a ciel sereno sarebbe addirittura potuto arrivare il raddoppio dei Colchoneros ma il pallone di Torres si è spento sul palo lasciando al Bayern concrete possibilità di passaggio del turno. In Germania però servirà davvero qualcosa di speciale per avere la meglio sul formidabile fortino armato da Simeone: l’ormai solito tiki taka ha già dimostrato di non essere sufficiente visto che da 180′ l’Atletico non subisce gol da questo sistema di gioco.

ATLETICO MADRID-BAYERN MONACO 1-0
ATLETICO MADRID: Oblak, Juanfran, Gimenez, Savic, Filipe Luis, Saùl (84′ Partey), Gabi, Fernandez, Koke, Griezmann, Torres. All: Simeone.
BAYERN MONACO: Neuer, Lahm, Martinez, Alaba, Bernat (77′ Benatia), Xabi Alonso, Thiago Alcantara (70′ Müller), Coman (65′ Ribery), Vidal, Douglas Costa, Lewandowski. All: Guardiola.
RETI 11′ Saùl
AMMONITI Douglas Costa, Benatia, Neuer, Vidal, Saul

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *