Annullata la penalizzazione al Bologna, tornano 58 i punti


Nel tardo pomeriggio è uscita la sentenza. La Corte Federale d’Appello ha accolto il ricorso contro la penalizzazione inflitta al Bologna, che ha annullato la sanzione di 1 punto in classifica

Riparte con un punto in più la corsa alla A del Bologna (ph. Bologna)

Riparte con un punto in più la corsa alla A del Bologna (ph. Bologna)

Poco dopo le 18 è arrivato il verdetto: il Bologna avrà indietro il punto di penalità che gli era stato inflitto per le precedenti inadempienze riguardo il mancato pagamento Irpef a maggio 2014. La Corte Federale d’Appello ha pertanto accolto il ricorso del Bologna che torna così a quota 58 punti, quelli cioè conquistati sul campo. In un momento in cui la squadra fatica non poco sul campo, la restituzione del punto ridà fiducia all’ambiente in vista della volata per la A e anche il recupero in corso fra Frosinone e Latina, che in caso di vittoria ciociara avrebbe agganciato il Bologna, si fa meno interessante da seguire.

L’avvocato Mattia Grassani, esperto in diritto sportivo già noto per aver curato precedenti interessi in materia per il club rossoblù, accompagnato dall’amministratore delegato del Bologna Claudio Fenucci, si sono recati in giornata a Roma dove la Corte d’Appello si è riunita per discutere del ricorso che il club felsineo ha presentato in relazione alla penalizzazione di un punto inflitto alla società di Saputo e Tacopina. L’infrazione del club era accertata, ma i legali rossoblù hanno fatto valere la loro tesi circa i palesi errori di procedura (soprattutto da parte della Procura) sul deferimento e sulla sentenza che ha inflitto la penalizzazione al Bologna. Dopo aver ascoltato sia il legale del Bologna Grassani, sia l’a.d. Fenucci, come rappresentante della società, è stato deciso per l’annullamento della penalizzazione dopo il secondo grado di giudizio. A dire il vero esiste la possibilità che la Procura ricorra a un terzo grado, quello al Collegio di Garanzia dello Sport del Coni, ma si tratta di un fatto mai accaduto prima nel calcio e riamane pertanto un’ipotesi remota.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *