Arsenal, City e Chelsea a forza 4. Leicester in fuga


Successo di misura per il Leicester che vola a +7 in vetta mentre Arsenal, City e Chelsea rifilano un poker agli avversari. Bene Pato e Paloschi, affonda Benitez

– di Marco Vigarani –

Il Leicester si affida a Claudio Ranieri  (ph. Zimbio)

Ranieri guarda ancora al futuro con cautela (ph. Zimbio)

Una giornata in meno al termine della Premier League ed il Leicester di Ranieri ha fatto un altro passo decisivo verso la conquista del titolo. È bastato un altro 1-0 (il quarto consecutivo ed il quinto delle ultime sei gare) per avere ragione del Southampton, è servito un colpo di testa del capitano Morgan per prendersi altri tre punti che però non fanno ancora decollare la fantasia del tecnico romano, ancora pronto a dire: “I tifosi cantano Leicester campione ed è giusto che si divertano, ma noi dobbiamo restare con i piedi a terra. Siamo vicini alla qualificazione in Champions, il resto sono chiacchiere. Per noi ogni successo è una fatica enorme: vinciamo uno a zero e non possiamo permettersi i tre o quattro gol che segnano le grandi squadre“. Basta il risultato minimo in queste settimane alle Foxes per continuare a sognare anche perchè il Tottenham fornisce un assist insperato facendosi fermare sull’1-1 a Liverpool in una sfida decisa dai gol di Coutinho e Kane ma soprattutto dalle parate dei due portieri Mignolet e Lloris: ora il vantaggio del Leicester in testa alla classifica è di 7 punti con sei giornate da disputare.

Pato Chelsea (ph. Indipendent)

Gol all’esordio per Pato con la maglia del Chelsea (ph. Indipendent)

Le parole di Ranieri sulle goleade delle big non sono un caso visto che il 32esimo turno va in archivio con tre 4-0 roboanti anche se di sapore diverso. L’Arsenal di Sanchez si è divertito ai danni del Watford, il City ha consolidato il piazzamento Champions ai danni del Bournemouth mentre invece il Chelsea ha banchettato sulla carcassa dell’Aston Villa mandando finalmente in campo e subito in gol anche l’ex milanista Pato con un rigore procurato e trasformato. Lo United invece si è limitato ad un misero ma utilissimo 1-0 contro l’Everton che permette ai Red Devils di mantenere un buon distacco sia dal West Ham (2-2 subito nel finale per mano del Crystal Palace) che dallo Stoke (rimontato a sua volta sul 2-2 dallo Swansea di Guidolin che si gode il secondo centro in Premier dell’ex clivense Paloschi). In zona retrocessione muove inutilmente la classifica il Sunderland pareggiando a reti bianche in casa con il West Bromwich ma fa comunque meglio del Newcastle di Benitez che cade contro il Norwich ed ora vede la salvezza lontana addirittura 6 punti: si avvicina un altro fallimento per l’ex tecnico di Inter e Napoli.

Risultati
Aston Villa-Chelsea 0-4
Norwich-Newcastle 3-2
West Ham-Crystal Palace 2-2
Bournemouth-Manchester City 0-4
Sunderland-West Bromwich 0-0
Arsenal-Watford 4-0
Stoke City-Swansea 2-2
Liverpool-Tottenham 1-1
Leicester-Southampton 1-0
Manchester United-Everton 1-0

Classifica
Leicester 69; Tottenham 62; Arsenal 58; Manchester City 54; Manchester United 53; West Ham, Stoke City 47; Liverpool 45; Chelsea 44; West Bromwich 40; Everton, Bournemouth 38; Watford, Swansea 37; Crystal Palace 34; Norwich 31; Sunderland 27; Newcastle 25; Aston Villa 16.
(Everton e Liverpool due partite in meno; Arsenal, Manchester City, Manchester United, West Ham, Chelsea, West Bromwich, Watford, Crystal Palace, Sunderland e Newcastle una partita in meno)

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *