In Austria Hamilton lancia la rimonta a Rosberg


Il campione in carica Hamilton si riavvicina alla vetta della classifica dove il compagno Rosberg trema. Ferrari ancora ben lontane dalla vittoria

– di Alberto Bortolotti –

Hamilton vince in Austria (ph. Zimbio)

Hamilton vince in Austria ed ora è a -13 da Rosberg (ph. Zimbio)

Un week-end entusiasmante sul circuito austriaco di proprietà Red Bull riporta Lewis Hamilton, vincitore, a un passo dalla testa del Mondiale causa un misto tra colpo di nervosismo e auto poco guidabile del suo compagno di squadra Nico Rosberg che lo spinge fuori a poche curve dal finale ma ne subisce le conseguenze: ala danneggiata, quarto posto al traguardo, penalizzazione salomonica che non gli toglie i punti.
Il pubblico tifa visibilmente per Rosberg ma ciò conferma solo che ai fini di giudizi precisi occorrono i replay televisivi, sul posto non si vede nulla.
Ora l’inglese è indietro 13 punti e soprattutto i rapporti interni al team Mercedes sono ancora più deteriorati.
Gomme molto usate, freni molto caldi, comunque io ero davanti e all’interno. Penso solo al fatto che ho perso la gara“, ha dichiarato Rosberg. Ma secondo il team principal Mercedes Wolff la colpa è sua al 99,9%, anche se poi considera il malfunzionamento dei freni come un’attenuante. “Entrambi i piloti preferiscono l’incidente al fatto che il compagno prenda punti. Una situazione intollerabile che non può continuare. Rinnovo per Rosberg? Non decidiamo sulla base di una gara“.
Non ne approfittano però i rivali. Verstappen coglie un bellissimo argento sul circuito di casa, ma con 72 punti è distante 70 lunghezze da Hamilton.
Kimi Raikkonen, terzo a 6″ (ma è comparsa la safety car), limita i danni Ferrari ma è semplicemente pari al compagno di squadra Vettel a 96. Il tedesco di Maranello vede in rettilineo la sua gomma posteriore destra dechapparsi mentre era al comando. Probabilmente responsabilità della Pirelli. Tanta sfortuna ma le potenzialità per vincere continuano a mancare clamorosamente.
A 88 punti si colloca Ricciardo, quinto, e dietro l’italo-australiano arrivano Button, quarta volta a punti contro le 2 di Alonso, Grosjean, dopo 4 ritiri consecutivi, il regolarista Sainz, 6 volte a punti, Bottas, 16 lunghezze avanti il suo compagno in Williams Massa, e il primo punto della Manor con Pascal Wehrlein.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *