Gabbiadini pronto per la Nazionale, Simone Zaza in stand-by


In vista del Mondiale, torna la rubrica sugli Azzurri all’estero, tra chi è stato chiamato, chi potrebbe esserlo in futuro e chi sembra ormai fuori dal giro

-di Giuseppe Cambria-

Simone Zaza vuole riconquistare la nazionale disputando una grande stagione con il suo Valencia (ph. Zimbio.com)

La lista dei 25 azzurri, che affronteranno Spagna e Israele, incontri decisivi per la qualificazione al Mondiale di Russia 2018 che si terranno rispettivamente il 2 e il 5 settembre, è ormai nota da un pezzo. La convocazione in nazionale diventa per i pochi giocatori militanti all’estero convocati da Giampiero Ventura una buona occasione per respirare l’aria di casa nei giorni “lavorativi”. E quindi ecco Matteo Darmian che anche quest’anno sembra non avere un posto stabile nella rosa stratosferica del Manchester United (1 presenza solo in Supercoppa Uefa), ma che resta un pupillo del commissario tecnico che in passato lo ha allenato al Torino. Marco Verratti invece è la certezza del centrocampo di nazionale e del suo club, il Paris Saint Germain. Al centro delle voci di mercato estivo che l’avrebbero voluto vicino al Barcellona, ormai è diventato il faro della corazzata milionaria parigina che in questo calciomercato non ha avuto rivali, con gli acquisti record di Neymar Jr e quello imminente di Mbappé. In attacco invece torna Manolo Gabbiadini che ha iniziato bene in Premier League con il suo Southampton segnando 1 gol nella partita del 19 agosto vinta contro il West Ham.

Esclusi, per ora – Un italiano ex Southampton, emigrato in Cina per vile denaro (16 milioni di euro) ed escluso forse definitivamente dalla nazionale, è Graziano Pellè. L’attuale attaccante dello Shandon Luneng ha rovinato il rapporto con l’attuale C.T. per una mancata stretta di mano dopo la sostituzione proprio durante la partita con la Spagna. Ma c’è da aggiungere che il livello del campionato nel quale adesso gioca non è per niente formativo per un calciatore che vorrebbe stare ad alti livelli. Discorso simile, non uguale, è quello di Mario Balotelli che, dopo aver rinnovato un altro anno con il Nizza, potrebbe tornare nel giro azzurro solo se mettesse la testa a posto una volta per tutte. Il ragazzo ha talento, ma non si impegna. Tra gli esclusi, in un discorso completamente diverso, c’è un altro dei pupilli (come Pellè) dell’ex C.T. Antonio Conte: Simone Zaza. L’ex juventino ha fatto faville nell’ultimo anno a Valencia ed è ripartito alla grande in questo avvio di Liga con il primo gol della stagione nella prima giornata di campionato che ha deciso il match contro il Las Palmas, conclusosi 1-0. Ventura sicuramente lo terrà in considerazione se continuerà su questa scia. Rimanendo in Liga troviamo tra gli esclusi anche Nicola Sansone e Roberto Soriano, entrambi militanti nel Villareal. Il sottomarino giallo ha iniziato male la stagione, con due sconfitte nelle prime due giornate. L’esterno ha giocato poco e non ha ancora carburato, Soriano invece è fuori per un infortunio al ginocchio. Uomini che, se in forma, possono dare sicuramente una mano a questa nazionale che, con la nuova politica di Ventura, ben accetta giovani talentuosi. Da tutto il mondo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *