Azzurri all’estero: poche nuove sul fronte occidentale, spicca solo Balotelli


Negli altri campionati europei i giocatori italiani non hanno più un rendimento soddisfacente e l’unico a “salvarsi” è Mario Balotelli, tornato da poco dalla squalifica, con una rete messa a segno nel turno infrasettimanale

-di Giuseppe Cambria-

Mario Balotelli è tornato al gol, su rigore, nella sfida in trasferta contro il Tolosa ( ph. Zimbio.com)

Ancora tutto in stand-by. Nazionale italiana da ricostruire, insieme alle menti stesse dei calciatori. Soprattutto di quelli che giocano all’estero. Negli ultimi turni di campionato (compreso il turno infrasettimanale per Ligue 1 e Premier League) i giocatori italiani non hanno avuto per niente un rendimento sufficiente. Da Davide Zappacosta, chetuttavia gioca sia nell’impegno di sabato che vede il Chelsea pareggiare in casa del Liverpool, sia nella vittoria di misura dei Blues contro lo Swansea, a Matteo Darmian, che, da un turno all’altro, fa solo un piccolo passo in avanti: dalla tribuna alla panchina. Il pupillo dell’ex c.t. Gianpiero Ventura non sembra avere le stesse considerazione e gli stessi elogi da José Mouriho. Panchina fissa ancha per Manolo Gabbiadini negli ultimi due turni di Premier. Non gioca né nella vittoria straripante, per 4-1, del Southampton contro l’Everton, né nella sconfitta di mercoledì sera contro il Manchester City. Gioca una partita sola, Simone Zaza. Quella decisiva. Il centravanti italiano ritrova la titolarità, ma non è abbastanza. Dopo il lungo castigo, non incide in fase realizzativa, mancando diverse volte il bersaglio, e il Valencia ottiene un pareggio contro l’inseguita Barcellona che lascia le cose così come sono. Marco Verratti invece è sempre più punto fisso di questo Paris Saint Germain che asfalta avversari turno dopo turno. Restando sempre in Ligue 1, troviamo una nota veramente positiva: il ritorno di Mario Balotelli, dopo la buonissima prestazione in Europa League coronata da due reti, che va a segno nel turno infrasettimanale in trasferta contro il Tolosa. Dopo la fine della squalifica, aveva partecipato alla disfatta (0-5) in casa, contro il Lione nel turno regolare. Nel turno settimanale invece mette il timbro sul cartellino, su rigore, pareggia i conti all’80’ e proietta il Nizza verso una vittoria quasi insperata, ottenuta solo nei minuti di recupero. Un piccolo sorriso in questo azzurro statico.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *