A Barcellona vince Rossi, Iannone ancora kamikaze


Dopo il lutto si corre a Barcellona e Rossi si prende la vittoria ma Iannone fa ancora carambola eliminando Lorenzo. Marquez primo in classifica 

– di Alberto Bortolotti – 

Rossi sul podio con una maglia celebrativa per Salom (ph. ANSA)

Rossi sul podio con una maglia celebrativa per Salom (ph. ANSA)

Il dolore per la morte di Salom e le inopportune polemiche sono passate. Eccezion fatta per il tamponamento di Iannone a Lorenzo, che modifica gli equilibri al vertice della classifica, il gran premio di Spagna a Barcellona premia i due piloti migliori. Rossi gioca al gatto con il topo con Marquez e lo supera al penultimo giro in modo determinante. Quindi non era vero che le modifiche del tracciato avvantaggiano le Honda. Oppure al box Yamaha hanno lavorato molto bene.
Molta cavalleria tra i duellanti a fine gara. E grande spinta a entrambi per vincere il Mondiale. Per Rossi “è una delle vittorie migliori della mia carriera”. Soprattutto gli dà la consapevolezza di lottare per il titolo.
Terza piazza del podio per Pedrosa, davanti a Vinales, Pol Espargaro, Crutchlow e Dovizioso. In classifica va in testa Marquez con 125 punti, Lorenzo 115 e Rossi 103.
Suzuki è purtroppo oramai stabilmente davanti a Ducati nelle ultime uscite. Vinales vanta 72 punti, la prima Ducati è quella privata di Barbera con 49 punti, poi Dovizioso 43 e Iannone 41. Insomma, disastro a Borgo Panigale.
In Moto 2 vince Zarco su Rins e Nakagami. Primo italiano Morbidelli, undicesimo. In classifica Rins 116, Lowes 108 e Zarco 106 punti.
Bastianini, Fenati e Bulega occupano le posizioni dal terzo al quinto in Moto 3, dove vince Navarro, primo successo in carriera, su Binder, che comanda in graduatoria con 147 punti contro i 103 di Navarro. Poi solo italiani: Fenati 80, Bulega 66, bagnaia 52, Antonelli 52, Bastianini 49.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *