Bari-Bologna 1-1, le pagelle


Nel disastro combinato dall’arbitro Maresca, nel Bologna si distingue Masina per l’ottima prova, seguito da Ferrari e Casarini. Ingenuo Maietta, penalizzato eccessivamente, Mancosu impalpabile

– di Massimo Righi –

Adam Masina, fra i migliori in campo contro il Bari (ph. Bologna)

Adam Masina, fra i migliori in campo contro il Bari (ph. Bologna)

Coppola 6 – Il Bari non lo chiama pressoché mai in causa se non nelle primissime battute. Buona presenza nelle uscite alte.
Ceccarelli 6 – Dove non arriva di gamba ci mette il fisico. Gara di sacrificio e cuore nel marasma generato dall’arbitro.
Maietta 5 – Purtroppo rimarrà nella memoria della partita per l’espulsione dopo la spinta a Contini. Sicuramente il suo atto è da condannare ma il rosso pare eccessivo e Contini fa una sceneggiata degna di Hollywood.
Oikonomou 6 -Sportella e si fa sentire, non va mai per il sottile e regge la baracca anche senza Maietta
Ferrari 6 – Il ragazzo non se la cava affatto male. A tratti è addirittura elegante e lo dimostra prima dell’episodio di Maietta con alcune sortite palla la piede.
Masina 7 – Segna un gol da centravanti ( il primo da professionista) e fornisce una prova di grande sostanza in ogni zona del campo in cui arriva. Bravo davvero.
Casarini 6,5 – Dà il pallone del vantaggio a Masina con il contagiri, poi sfodera la solita prova generosa e caparbia. Nella ripresa ha la palla del 2-1 ma il suo tiro è poco angolato.
Krsticic 6,5 – La sua qualità si vede subito, ha un altro passo e una visione di gioco notevole. Sta ritrovando la condizione (dal 79′ Bessa s.v. – due cross orribili e poco altro).
Buchel 5,5 – Mezzo voto in meno per l’espulsione ma la sua prova arcigna e grintosa è stata di grande aiuto per reggere l’urto di un Bari tingoso e furbetto.
Mancosu 4,5 – Ennesima occasione sprecata. L’inferiorità numerica penalizza l’attacco, d’accordo, ma il suo apporto è davvero poca cosa. Speriamo in un Dino Fava bis (dall’88 Sansone s.v.– prende un fallo prezioso in pieno recupero).
Acquafresca 5 – Qualcosina (ina) in più del sardo. Un po’ di palloni smistati e qualche spizzata. Vista la pochezza offensiva felsinea, speriamo si svegli pure lui (dal 79′ Cacia s.v. – un paio di sponde e un tacco inspiegabile).
Lopez n.g. – Di certo ha ragione ad essere furibondo con l’arbitro, ad ogni modo il suo Bologna non è parso male quando gli è stato permesso di giocare e ha avuto ragione (per i primi 37′ validi) a schierare un 3-5-2 che stava ben ripagando sul campo.
Bari 4 – Galletti fa rima con furbetti. Un caso? Fatto sta che la truppa pugliese, quando si accorge che butta male, la mette sulla sceneggiata e sulla rissa. Complimenti, missione compiuta, anche perché il Bologna abbocca. Per il resto, squadra confusionaria e senza criterio: a fine partita la gente ha fischiato a ragion veduta.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *