Basket, Sassari è Campione d’Italia


Sassari passa a Reggio Emilia 75-73 vincendo gara 7 e chiude la serie sul 4-3 conquistando il primo scudetto della propria storia. È triplete per i sardi dopo la Supercoppa e la Coppa Italia

– di Massimo Righi –

La Dinamo Sassari festeggia lo scudetto sul campo di Reggio Emilia (ph. sardegnasport.com)

La Dinamo Sassari festeggia lo scudetto sul campo di Reggio Emilia (ph. sardegnasport.com)

Dopo la Supercoppa e la Coppa Italia, Sassari vince anche il campionato italiano, il primo, dopo una stagione da assoluta protagonista avendo eliminato la favorita Milano e ribaltando la serie finale contro Reggio Emilia degna rivale e mai doma. Lo spettacolo complessivo andato in scena nelle sette gare è stato di grande rilievo, alla faccia di chi dice che il basket in Italia non sia avvincente. È stata la vittoria di un gruppo di grande talento e qualità orchestrato da un condottiero come Meo Sacchetti, allenatore amante del gioco offensivo proprio come nelle corde dei suoi uomini, vedi Logan, Dyson e Lawal su tutti.

Si parte con la Reggiana molto più in palla di Sassari, dominatrice a rimbalzo seppur con le polveri bagnate, ma gli ospiti non fanno tanto meglio. Le squadre litigano con il canestro per diversi minuti poi Reggio Emilia inizia a infilare il cesto trascinato da Kaukenas. Sacchetti abbassa il quintetto ma non serve mentre Menetti centellina Lavrinovic, anche grazie alla buona prova di Cervi sotto le plance. Reggio difende alla grande e i piccoli vanno a segno in ogni modo tanto che Sassari sembra già schienata con numeri terrificanti: 1/13 al tiro, 9 perse e 6 rimbalzi in meno di Reggio. Al primo intervallo gli emiliani comandano per 21-4. Nel secondo mini tempo le squadre si scambiano il ruolo e Sassari cresce progressivamente grazie a Sanders e Kadji che piazzano un contro break di 18-4 che fa rientrare i sardi in partita. Reggio Emilia smette di infilare il canestro mentre i sardi respirano ricucendo fino a -5. Poco prima dell’intervallo Cinciarini e una bomba da distanza siderale dell’ex Diener ricacciano indietro Sassari, 32-26.

Coach Sacchetti, fautore del successo di Sassari (ph. it.geosnews.com)

Coach Sacchetti, fautore del successo di Sassari (ph. it.geosnews.com)

Nella ripresa Sassari mostra subito i denti con due triple di Brooks e Dyson con le quali arriva a -2. Reggio trema, gli ospiti prendono coraggio e danno battaglia. Poi capita che Sosa commetta fallo e protesti nei pressi del bordo campo, un tifoso si avvicina e gli prende la faccia fra le mani scatenando un’ulteriore reazione. Il tifoso verrà cacciato ma il giocatore viene punito con un tecnico, che Polonara sfrutta per riallungare. Kaukenas mette un altro mattone ma Logan prima e Dyson poi riportano Sassari a -1. Diener fa +8 per la Reggiana, poi Sanders fa canestro più fallo e Logan completa la rimonta con la bomba del 67 pari. Sassari mette per la prima volta la testa avanti ma Reggio pur rimanendo in scia, si sgretola. Nel finale comanda Dyson che con 8 punti in due minuti chiude i giochi e permette a Sassari di mettere in bacheca il primo storico tricolore.

Le parole di Sacchetti: “È stato difficile, soprattutto dopo il primo quarto, ma avevamo già dimostrato in passato di poter recuperare. Alla fine loro erano più preoccupati e titubanti ed è stato più facile. È stata una stagione lunga, difficile e importante. Con molti problemi e infortuni, ma abbiamo vinto tre trofei e questo è importante. Non ci avrebbe creduto nessuno, ma questo è uno sport bello e beffardo e quando capitano le occasioni vanno colte. Il giocatore e il momento chiave della stagione? Sono stati diversi i giocatori importanti, ma Lawal ci ha dato qualcosa in più. Il momento chiave, la seconda partita a Trento nei play off, non la serie con Milano”.

Reggio Emilia 73 : Cinciarini 12, Polonara 17, Kaukenas 13, Silins 1, Chikoko 6; Cervi 4, Della Valle 4, Lavrinovic 2, Diener 14. N.e.: Rovatti, Mussini, Pini. All.: Menetti.

Sassari 75: Logan 13, Sanders 18, Brooks 8, Lawal 8, Dyson 17; Sosa 5, Kadji 4, B. Sacchetti 2, Devecchi. N.e.: Chessa, Vanuzzo, Formenti. All.: Sacchetti.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *