Bayern, allungo servito sull’asse Vidal-Robben. Crollo totale delle inseguitrici. Werder, sono 4 i k.o. di fila


Nella 20^ giornata di Bundesliga, il Bayern passa ad Ingolstadt nel finale. Il Lipsia scivola a -7 perdendo in casa 3-0 contro l’Amburgo. Male il Dortmund

– di Tiziano De Santis –

La rete di Papadopulos in Rb Lipsia-Amburgo 0-3 (ph. Vavel.com)

Serve una svolta per sbloccare il puzzle di risultati tra la prima forza del campionato tedesco e la diretta inseguitrice per la vetta. E allora ecco il tonfo casalingo del Lipsia di Ralph Hasenhüttl, alla seconda sconfitta consecutiva dopo quella del  Westfalenstadion della scorsa settimana. Stavolta è l’Amburgo di Markus Gisdol a mettere in ginocchio la squadra della Redbull davanti ai propri sostenitori: i Rothosen impiegano 18 minuti per passare in vantaggio con una grande incornata dell’ex Papadopulos sul calcio d’angolo battuto da Muller; 6 giri d’orologio più tardi, è Walace a riavvolgere il nastro sostituendo il proprio nome a quello del compagno autore del primo gol. Uno-due micidiale per il team di casa, che ci prova spesso nel primo tempo giocando palla a terra ma sbattendo più volte contro la retroguardia rivale. E allora ecco la punizione, probabilmente eccessiva, di Hunt, che al 93′ decreta ufficialmente la fine dell’incontro prima ancora del triplice fischio arbitrale. Carpe diem, Carletto! Detto-fatto: il Bayern capolista coglie l’occasione non senza sofferenza, passando 2-0 contro l’Ingolstadt all’Audi-Sportpark: basti pensare che per l’apertura delle marcature bisogna aspettare il 90′, quando Vidal, su assist di Muller, supera Hansen con una zampata in area di rigore; un minuto dopo è Robben a raddoppiare di sinistro a modo suo per i campioni di Germania in carica, che allungano, così, +7 sulle dirette inseguitrici in una classifica che mostra le prime turbolenze stagionali.

L’esultanza di Arturo Vidal dopo il gol in Ingolstadt-Bayern 0-2 (ph. Bundesliga.com)

A cadere è, infatti, anche l’Eintracht Francoforte di Niko Kovač – terza forza del campionato – tra le mura della BayArena: dopo due sconfitte consecutive, il Leverkusen rialza infatti la testa alla grandissima grazie alle marcature del Chicharito Hernandez e al timbro di Volland, validi per il sonoro 3-0 che permette agli uomini di Roger Schmidt di salire a quota 27 punti, a -2 dal Friburgo. A mangiarsi le mani è il Borussia Dortmund, che spreca l’occasione del sorpasso al Francoforte perdendo 2-1 in casa dell’ultima in classifica: il Darmstadt compie, infatti, un autentico miracolo portandosi prima in vantaggio con Boyd al 21′ e vanificando, nella ripresa, il pari di Guerreiro grazie alla firma decisiva di Colak. Vince, invece, di misura il Mönchengladbach di Dieter Hecking contro il Werder Brema: Hazard regala ai Fohlen il terzo trionfo consecutivo e il decimo posto in graduatoria. Tre sono i k.o. dell’Hertha Berlino nelle ultime quattro gare: i ragazzi di Pál Dárdai incassano un pesante 2-0 contro lo Schalke di Markus Weinzierl. Burgstaller e Goretzka danno senso al dominio blu. Non ne approfitta il Colonia di Peter Stöger, che cade in casa del Friburgo per 2 reti a 1. Stesso risultato alla Volkswagen-Arena tra il Wolfsburg di Valérien Ismaël e l’Hoffenheim di Julian Nagelsmann: i padroni di casa rimontano lo svantaggio timbrato da Zuber grazie ai gol di Arnold e Didavi portando a 6 le lunghezze dalla lotta per la retrocessione. Vince anche il Mainz di Martin Schmidt sull’Augsburg: a consegnare i tre punti ai Nullfünfer sono Oztunali e Samperio.

Risultati 20^ giornata:

Mainz – Augsburg 2-0

RB Lipsia – Amburgo 0-3

Leverkusen – Francoforte 3-0

Ingolstadt – Bayern 0-2

Darmstadt – Dortmund 2-1

Brema – Mönchengladbach 0-1

Schalke – Hertha 2-0

Wolfsburg – Hoffenheim 2-1

Friburgo – Colonia 2-1

Classifica:

Bayern 49; RB Lipsia 42; Francoforte 35; Dortmund, Hoffenheim 34; Hertha 33; ; Colonia 32; Friburgo 29; Leverkusen 27;  Mönchengladbach 26; Schalke, Mainz 25; Augsburg 24; Wolfsburg 22; Amburgo 19; Brema 16;  Ingolstadt 15; Darmstadt 12.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *