Bayern e Dortmund pareggiano. Il Colonia vince ed è 2°. Favola RB Lipsia


Nella 7^ giornata di Bundesliga il Bayern fatica e pareggia a Francoforte, l’Hertha ferma e sorpassa il Dortmund. Wolfsburg e Schalke, l’horror continua

– di Tiziano De Santis –

Pierre Emerick Aubameyang con le mani in volto in Dortmund-Hertha 1-1 (ph. Goal.com)

Pierre Emerick Aubameyang con le mani in volto in Dortmund-Hertha 1-1 (ph. Goal.com)

La 7^ giornata di Bundesliga conferma le sorprese che la massima serie calcistica tedesca ha riservato sinora nella stagione in corso. A cominciare dal Dortmund di Thomas Tuchel che, dopo la sconfitta inflitta nell’ultimo turno dal Leverkusen, riesce a farsi fermare anche davanti ai propri tifosi dall’Hertha. Al Signal Iduna Park, infatti, i padroni di casa passano sotto al 51′, quando Stocker, trovato splendidamente di tacco da Ibisevic, non può sbagliare, da ottima posizione, nel superare Burki per lo 0-1. Colpiti nell’orgoglio, i giallo-neri si schiantano per ben tre volte su Jarstein, bravo nel fermare Aubameyang in più occasioni e, soprattutto sul rigore che potrebbe valere l’1-1. Il palo colpito dall’attaccante gabonese dopo la deviazione del portiere avversario fa sfumare in un nulla di fatto l’illusione del gol, risultando un antipasto del definitivo pareggio delle Vespe, che arriva all’82’ con il solito numero 17, puntuale nel traforare la porta rivale in spaccata su assist di Dembelè. Il match si chiude in equilibrio di marcature. A nulla vale il record fissato in Bundesliga dal Dortmund, che non perde in casa da ben 25 turni, ma che si fa scavalcare in classifica proprio dalla formazione di Pál Dárdai.

Marco Fabian, Bastian Oczipka e Shani Tarashaj festeggiano dopo il gol del 2-2 contro il Bayern Monaco (ph. Aboutcroatia.net)

Marco Fabian, Bastian Oczipka e Shani Tarashaj festeggiano dopo il gol del 2-2 contro il Bayern Monaco (ph. Aboutcroatia.net)

Il Bayern di Carlo Ancelotti non riesce a sfruttare la ghiotta occasione per l’allungo in graduatoria. Alla Commerzbank Arena di Francoforte, i pluricampioni di Germania trovano il secondo pareggio consecutivo dopo quello casalingo col Colonia: il vantaggio al 10’ di Robben, chirurgico nel saltare l’avversario e concludere sul secondo palo inganna i supporter bavaresi; dopo il palo colpito da Chandler al 15′ e la grande occasione di Meier 18 giri d’orologio successivi, l’Eintracht riesce a superare Neuer al 43′, quando Huszti, sul cross di Oczipka,  trova di sinistro l’1-1. Se Coman pareggia il numero dei pali al 54′ Kimmich riesce a incidere sul match firmando l’1-2 sugli sviluppi di un calcio d’angolo, complice anche il fuorigioco non segnalato dal guardalinee. L’espulsione di Huszti al 65′, tuttavia, precede la rete del definitivo 2-2 di Fabian, che devìa fortunosamente la conclusione di Chandler, fermando la cavalcata, mai del tutto convincente, del Bayern.

I giocatori dell'RB Lipsia festeggiano col proprio allenatore il successo sul Wolfsburg (ph. Ilnapolioniline.com)

I giocatori dell’RB Lipsia festeggiano col proprio allenatore il successo sul Wolfsburg (ph. Ilnapolioniline.com)

Dopo due pari consecutivi, il Colonia di Peter Stöger raggiunge il bottino pieno contro l’Ingolstadt, salendo in seconda posizione a quota 15 punti grazie alla doppietta di Modeste, capocannoniere della Bundes con 7 gol. 6° è, invece, l’Hoffenheim di Julian Nagelsmann, che mette k.o. il Friburgo davanti ai propri tifosi grazie al 2-1 targato Wagner e Kramaric, il quale all’81’, su rigore, annulla il momentaneo pareggio di Niederlechner, spedendo i suoi al 4° posto in classifica. Il Moenchengladbach di André Schubert si schianta su uno scialbo sullo 0-0 contro l’Amburgo di Markus Gisdol, nonostante la superiorità numerica e due penalty non sfruttati. Perde fuori casa il Leverkusen di Roger Schmidt per 2 reti ad 1: l’1-1 di Calhanoglu non serve a nulla, perchè Manneh al 59′ calcia di prima intenzione all’interno dell’area battendo Leno e inchiodando i Werkself al 10° posto della graduatoria. Continua il periodo no di Schalke e Wolfsburg: gli undici di Gelsenkirchen passano in vantaggio contro l’Augsburg al 65′ con Bentaleb ma si fanno recuperare da Baier 22 minuti più tardi; piove sul bagnato per gli uomini di Dieter Hecking, che perdono malamente 0-1 in casa con il neopromosso RB Lipsia, la cui favola sembra non avere fine. Ralph Hasenhüttl si ritrova a guidare, pertanto, quella che ora è la 3^ forza del campionato, dopo 4 vittorie e 3 pareggi in 7 partite sinora disputate.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *