Belotti affonda la Roma; clamorosa papera di Viviano


Top e Flop della 6^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

L'esultanza del gallo Belotti al gol segnato (ph. Lastampa.it)

Subito decisivo il “Gallo” Belotti, a segno dopo soli 8′ (ph. Lastampa.it)

Belotti (Torino): un ritorno in campo migliore non lo si poteva nemmeno sognare. Dopo appena 8′ porta in vantaggio il Toro con un gran colpo di testa su preciso traversone di Obi. Decisivo anche ad inizio ripresa quando salta in piena area di rigore l’ex compagno Bruno Peres, costringendolo ad un fallo sciocco che porterà al rigore del 2-0, trasformato da Iago Falque. Punto fermo dell’attacco granata e probabilmente presto anche della Nazionale;

Hamsik (Napoli): segna il suo 100° gol con la maglia del Napoli in Serie A con un gran sinistro a incrociare che chiude la partita sul 2-0. Mette lo zampino anche nella rete che sblocca la gara, servendo a Callejon uno splendido pallone in area di rigore, oltre a prendere sempre per mano la squadra facendosi trovare spesso anche nella posizione di regista davanti alla difesa. Un vero leader;

Lirola (Sassuolo): ennesima partita di grande sostanza per questo terzino spagnolo di 19 anni, proveniente dal vivaio della Juve. Suo il traversone che permette a Defrel di sbloccare la partita contro l’Udinese e di portare a casa altri tre punti per il Sassuolo.

FLOP

Un clamoroso errore di Viviano ha dato il via alla rimonta del Napoli

Papera clamorosa di Viviano e il Cagliari si aggiudica la partota

Viviano (Sampdoria): papera clamorosa del portiere blucerchiato che liscia clamorosamente il pallone in uscita di piede, permettendo così a Melchiorri di segnare la sua prima rete in Serie A, praticamente all’esordio, escludendo una apparizione a Siena nel lontano 2006. L’errore è ancora più pesante perché avviene nel finale di partita e appena un minuto dopo il pareggio raggiunto un po’ a sorpresa da Bruno Fernandes. Chiude di fatto ogni speranza blucerchiata di portare a casa almeno un punto da Cagliari;

Bruno Peres (Roma): disastro totale per il terzino brasiliano contro i suoi ex compagni. Falcia Belotti in piena area di rigore in modo davvero ingenuo, regalando così il rigore del 2-0. Per il resto della gara vaga per la corsia sinistra, arrivando solamente una volta nei pressi dell’area di rigore e concludendo debolmente a rete;

Pandev (Genoa): come il suo stesso allenatore ammetterà a fine gara “raggiunti i 30 anni bisogna imparare a stare in campo. Nessuna scusa quindi per il macedone che dopo aver subito un fallo netto protesta in modo veemente contro il direttore di gara che lo manda dritto negli spogliatoi, lasciando il Genoa in 9 uomini dopo l’espulsione di Edenilson per doppia ammonizione. Il Pescara raggiungerà il pari pochi minuti dopo;

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *