Belotti alza la cresta: tripletta in 7′. Reina decisivo all’Olimpico


Top e Flop della 27^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Belotti non si ferma più: tre reti contro il Palermo (ph. Lastampa.it)

Belotti (Torino): il Gallo alza la cresta e in 7′ ribalta la partita segnando una tripletta d’autore. Dominatore incontrastato dell’area di rigore, sfiora la rete del pareggio di testa su cross di Zappacosta alla fine del primo tempo; nella ripresa segna subito il pari su calcio d’angolo, sfruttando una maldestra uscita di Posavec; una manciata di minuti dopo è bravissimo a girare al volo in porta un preciso lob di Ljajic. Ancora su assist del serbo, ma soprattutto sull’ennesima uscita a vuoto di Posavec, segna la sua terza rete personale; 22^ stagionale in sole 24 partite e per ora è il capocannoniere del campionato;

Reina (Napoli): insieme a Mertens è lui il protagonista dell’Olimpico. Compie un intervento a dir poco miracoloso, riuscendo con un riflesso da campione ad indirizzare sulla traversa il tiro di Salah deviato da Koulibaly; una parata che vale i tre punti in una gara importantissima e su un campo dove fino ad ora la Roma aveva raccolto 12 successi su 12 partite;

Banega (Inter): fino ad ora oggetto misterioso del mercato, è il mattatore della difficile trasferta sarda: prima regala a Perisic l’assist dell’1-0, poi trasforma in modo magistrale una punizione dal limite dell’area, non lasciando scampo a Gabriel. Pioli gli affida le chiavi della trequarti interista e non viene deluso.
FLOP

Pessima prova di Maietta e il Bologna incassa la 4^sconfitta interna consecutiva

Maietta (Bologna): doveva essere il punto di riferimento della difesa a tre di Donadoni, invece dopo nemmeno 10′ sbaglia l’anticipo di testa, regalando a Immobile la palla dell’1-0. Anche in occasione della rete del raddoppio laziale non fa scattare la trappola del fuorigioco, permettendo sempre a Immobile di scattare verso la porta di Mirante in posizione regolare. Il Bologna perde la 4^ gara consecutiva al Dall’Ara dimostrando di essere in profonda crisi;

Fazio (Roma): il centrale di Spalletti passa un sabato pomeriggio da dimenticare, sbagliando quasi tutti gli interventi e regalando al Napoli il contropiede da cui nasce l’azione del raddoppio; oltre ad essere totalmente fuori posizione anche in occasione della rete dell’1-0. Giustamente viene sostituito ad inizio ripresa da Bruno Peres;

Balogh (Palermo): il giovane attaccante ungherese, su cui il Palermo puntava molto ad inizio stagione, dimostra ancora una volta una abbondante dose di immaturità, facendosi espellere per doppio giallo nel giro di pochi minuti per due entrate bruttissime, prima su Belotti e poi su Baselli e lasciando i suoi in 10 a partita ancora aperta.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *