Blitz anti evasione: nei guai 35 club di A e B


Stamattina sono scattati i controlli anti evasione della Guardia di Finanza nelle sedi di 35 club di Serie A e B. Tra i nomi eccellenti coinvolti De Laurentiis, Galliani e Lotito ma anche Corvino e Zanzi 

– di Marco Vigarani –

Mattinata di controlli anti evasione per la Guardia di Finanza

Mattinata di controlli anti evasione per la Guardia di Finanza

È stata una mattinata a dir poco movimentata per il calcio italiano che si è trovato nuovamente catapultato nel caotico vortice di perquisizioni ed indagini ormai purtroppo ben noto. Stavolta è stata la Guardia di Finanza su mandato della Procura di Napoli a far scattare una serie di perquisizioni tra calciatori, dirigenti e sedi di club sospettati di evasione fiscale e false fatturazioni all’interno di un radicato sistema finito sotto la lente d’ingrandimento del procuratore aggiunto partenopeo Vincenzo Piscitelli già dal 2012. Le società italiane tra Serie A, B e Lega Pro sarebbero 35 ed oltre un centinaio i protagonisti del blitz della cosiddetta “Operazione Fuorigioco”: tra essi volti noti come Adriano Galliani, Aurelio De Laurentiis, Claudio Lotito ma anche l’ex ad juventino Jean Claude Blanc, il procuratore Alessandro Moggi e l’attaccante argentino Ezequiel Lavezzi. Nell’elenco degli indagati compaiono poi anche dirigenti come Zamparini, Preziosi, Della Valle, Spinelli, Ghirardi ed atleti come Denis, Quintero, Paletta, Milito, Nocerino, Immobile e Mutu. Nella lista ci sono anche due dirigenti legati al passato e al presente del Bologna che però sono indagato per attività precedenti alla loro esperienza in rossoblù: si tratta dell’ex dg Roberto Zanzi e dell’attuale ds Pantaleo Corvino. Da quanto emerge in queste ore si scopre che i sequestri effettuati riguardano in particolare somme di denaro disponibili sui conti degli indagati e le ipotesi di reato andrebbero dalla dichiarazione fraudolenta, omessa o inesistente all’emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. Come si sarebbe articolata la frode? I procuratori degli atleti avrebbero fatturato le loro prestazioni simulando un’intermediazione a tutela del club quando in realtà avrebbero agito esclusivamente in favore dei propri assistiti mentre invece i club avrebbero approfittato della possibilità di dedurre completamente queste spese dal reddito imponibile detraendo l’imposta sul valore aggiunto su questa prestazione mai esistita. In pratica i calciatori potevano non dichiarare una spesa sostenuta per conto loro dalla società che a sua volta approfittava di benefici fiscali. Inoltre sarebbe emerso che alcuni agenti in particolare argentini avrebbero utilizzato società di comodo presso paradisi fiscali per delocalizzare i proventi derivanti dall’attività svolta in Italia: in parole povere si tratta di evasione fiscale per cifre che ammonterebbero secondo le prime stime ad oltre 12 milioni di euro.

Ecco l’elenco completo degli indagati. Dirigenti: Alessandro Moggi, Marco Sommella, Vincenzo Leonardi, Riccardo Calleri, Umberto Calaiò, Leonardo Rodriguez, Fernando Hidalgo, Aleandro Mazzoni, Edoardo Rossetto, Antonio Percassi, Luca Percassi, Claudio Garzelli, Giorgio Perinetti, Luigi Corioni, Gianluca Nani, Sergio Gasparin, Pietro Lo Monaco, Igor Campedelli, Maurizio Zamparini, Rino Foschi, Daniele Sebastiani, Andrea Della Valle, Pantaleo Corvino, Alessandro Zarbano, Enrico Preziosi, Luciano Cafaro, Jean Claude Blanc, Alessio Secco, Claudio Lotito, Marco Moschini, Renato Cipollini, Aldo Spinelli, Adriano Galliani, Aurelio De Laurentiis, Tommaso Ghirardi, Pietro Leonardi, Pasquale Foti, Eduardo Garrone, Marino Umberto, Massimo Mezzaroma, Roberto Zanzi, Giovanni Lombardi Stronati, Francesco Zadotti, Sergio Cassingena, Massimo Masolo, Dario Cassingena. Calciatori: Gustavo German Denis, Fernando Quintero, Adrian Mutu, Ciro Immobile, Matteo Paro, Hernan Crespo, Pasquale Foggia, Antonio Nocerino, Marek Jankulovski, Cristian Chavez, Inacio David Fideleff, Ivan Ezequiel Lavezzi, Gabriel Paletta, Emanuele Calaiò, Cristian Molinaro, Rios Pavon, Diego Alberto Milito.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *