Bologna al palo, Coppola salva ancora tutto


Il Bologna ringrazia il suo portiere per aver ottenuto lo 0-0 casalingo contro la Ternana al termine di una brutta partita

– di Marco Vigarani –

Il saluto della Curva all'indimenticabile Giacomo Bulgarelli

Il saluto della Curva all’indimenticabile Giacomo Bulgarelli

Il Bologna viene da sei risultati utili consecutivi ma anche da ombre sulla qualità del gioco mentre invece la Ternana appare come una delle formazioni più in forma della Serie B in trasferta. Al temine della gara tutte queste convinzioni ne escono ulteriormente rafforzate compresa quella su una grave difficoltà dei rossoblù di Lopez a creare occasioni per vincere le partite anche a causa della sterilità espressa dal centrocampo.

Il tecnico dei felsinei sorprende con le scelte di Gastaldello e Mancosu nell’undici titolare mentre invece Tesser rinuncia a Falletti e Viola per tornare al classico 3-5-2: l’avvio è piacevole con un ottimo ritmo tenuto da entrambe le formazioni. La prima occasione arriva al settimo con una percussione di Gavazzi, lasciato libero da Maietta, che entra in area e si vede il tiro neutralizzato dalla prima prodezza di Coppola che poi viene a sua volta graziato da Avenatti sul tap in. La reazione del Bologna arriva su calcio piazzato al ventesimo con una punizione di Casarini toccata dalla barriera a cui segue un tentativo di deviazione sul primo palo di Gastaldello. La metà del primo tempo è il momento migliore dei padroni di casa che vedono anche Brignoli neutralizzare un tiro di Cacia indirizzato all’incrocio al termine di un contropiede guidato da Maietta. La fiammata però si spegne senza trovare il gol e allora nel finale di tempo è la Ternana a sfiorare il vantaggio con un calcio di punizione di Vitale che viene tolto dal sette dall’estremo difensore Coppola.

Ternana e Bologna lasciano il campo dopo lo 0-0

Ternana e Bologna lasciano il campo dopo lo 0-0

In avvio di ripresa è Cacia a rendersi nuovamente protagonista con qualche buona giocata prima che i tecnici inizino ad attingere alle panchine con Russo che rileva Crecco negli umbri e Krsticic che prende il posto di uno spento Buchel nel Bologna. Prima dell’ora di gioco però tocca ancora a Coppola evitare la capitolazione ai rossoblù intervenendo in uscita su un cross pericoloso di Vitale prima che il nuovo entrato si immoli sulla conclusione dalla distanza di Meccariello. Pochi istanti dopo la Ternana si lamenta per un intervento di Maietta su Ceravolo appena dentro l’area di rigore: la palla effettivamente è lontana e la sensazione è che il Bologna stavolta sia stato graziato dall’arbitro. Gli ospiti però premono grazie alle iniziative di un ottimo Avenatti che prima impegna ancora Coppola con un colpo di testa poi viene fermato solo dall’esperienza di Gastaldello prima di scoccare un tiro dal limite dell’area piccola dopo essersi liberato di due avversari. Lopez quindi opera altri due cambi inserendo Sansone per Casarini e Oikonomou per l’infortunato Maietta e ridisegna la sua squadra su un 4-3-1-2 in cui Laribi si sposta a centrocampo lasciando la trequarti al nuovo entrato. Le ultime occasioni nel quarto d’ora finale arrivano tutte su colpo di testa con Russo che sfiora il palo e Mancosu che non trova la porta.

Il Bologna allunga quindi la propria striscia positiva ma fallisce anche la seconda gara interna consecutiva con un pareggio che lascia l’amaro in bocca agli avversari. La Ternana infatti ha disputato una gara ordinata e intelligente, andando vicina al vantaggio più volte di quante i rossoblù non siano mai riusciti ad entrare neanche in area. La sensazione che il Bologna non riesca a costruire gioco con i centrocampisti è ormai una certezza e l’assenza prolungata dal campo del dinamico Zuculini diventa sempre più un mistero. Lopez continua a fare le sue scelte e a difenderle confortato comunque dai risultati, ma la caccia al Carpi capolista oggi sembra una mera illusione.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *