Bologna ancora ko nel finale, Gabigol castiga i rossoblù e allunga la crisi


Contro l’Inter arriva anche il quarto ko per un Bologna punito ancora una volta nel finale da Gabigol, alla prima rete in Serie A 

– di Marco Vigarani –

Buon esordio dal primo minuto per Petkovic (ph. Ansa)

Reduce da tre sconfitte consecutive che hanno mortificato l’ambiente ed incrinato le certezze, il Bologna torna in campo in un Dall’Ara pieno come mai in stagione (28mila presenze complessive) schierando per la prima volta titolare Petkovic al centro dell’attacco e confermando fiducia a Mbaye e Pulgar. L’ex Pioli invece non risparmia i diffidati Medel e Miranda ma arretra Joao Mario in mediana al posto dello squalificato Kondogbia. Rossoblù guardinghi in avvio di gara proprio con il senegalese a sorvegliare Perisic mentre invece D’Ambrosio non lascia spazio a Verdi. Prima clamorosa occasione per l’Inter dopo una decina di minuti ma Palacio, completamente libero, non trova la porta ad un metro dalla porta. Gara che però si mantiene a lungo su ritmi soporiferi con i ragazzi di Donadoni che provano a sfruttare le ripartenze appoggiandosi sul centravanti croato, grezzo ma piuttosto utile alla manovra. L’occasione propizia capita dopo la mezz’ora sui piedi di Krejci dopo una bella azione di Verdi ma il diagonale del ceco è privo di potenza e si trasforma praticamente in un passaggio per Handanovic. Prima dell’intervallo ci prova anche Gagliardini dalla lunga distanza senza sorprendere Da Costa e così le squadre tornano negli spogliatoi senza aver praticamente prodotto alcuna azione degna di nota.

Primo gol in nerazzurro per Gabigol (ph. Inter)

Ripresa che si apre senza cambi ma con un errore al tiro da parte di Verdi nel cuore dell’area e con una bella chiusura di Oikonomou su Palacio. Dopo dieci minuti di gioco poco esaltanti arriva il primo cambio con Ansaldi che rileva un acciaccato Murillo mentre il pubblico continua a beccare l’arbitro Mazzoleni, troppo spesso permissivo. Tiro in porta di Eder che impegna Da Costa in una presa a terra, Perisic poco dopo sfiora la traversa e l’Inter prova a sbloccare la gara affidandosi alle giocate dei singoli. Dopo un’ora arriva anche il momento di Krafth al posto dell’infortunato Mbaye ma soprattutto la tanto temuta ammonizione per il nerazzurro Miranda che salterà la sfida contro la Roma. Si conclude poi anche la partita di un impalpabile Nagy e torna così in campo dopo oltre due mesi anche Taider mentre Pioli esaurisce i cambi dando fiduci a Gabigol per Palacio e Banega per Candreva. Mossa azzeccata per il tecnico nerazzurro che all’81’ vede il giovane brasiliano festeggiare il suo primo gol in Serie A approfittando della solita dormita del Bologna sul taglio dal lato destro. Donadoni (che lamenta un possibile rigore non fischiato su Dzemaili) si gioca il tutto per tutto inserendo Di Francesco per un claudicante Pulgar ma è Torosidis in pieno recupero a divorarsi il potenziale pareggio. A quel punto non c’è ormai più tempo e così i rossoblù incassano la quarta sconfitta consecutiva che allunga l’incubo di Donadoni, ancora una volta punito nei minuti finali e che a Genova, in caso di ulteriore passo falso, per la prima volta potrebbe anche rischiare la panchina.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *