Il Bologna batte 2-1 il Rimini ma è ancora in alto mare


Ultima amichevole prestagione per il Bologna che batte 2-1 il Rimini grazie ai gol di Pasi e Cacia che si fa anche parare un rigore

di Marco Vigarani

Sforzandosi di vedere il bicchiere mezzo pieno si potrebbe dire che una vittoria fa sempre morale e che il risultato delle amichevoli non conta, ma se questo è il vero volto del Bologna a quattro giorni dall’esordio ufficiale c’è poco da stare sereni. Il Rimini infatti è avversario decisamente modesto che si prepara ad affrontare la Serie D illuminato dal solo estro dell’attaccante Adrian Ricchiuti (visto in A con la maglia del Catania).

Rimini-Bologna allo Stadio Neri

Rimini-Bologna allo Stadio Neri

Mister Lopez decide di dare almeno un’ora ai titolari per mettersi in mostra prima di rivoluzionare la squadra con i cambi ma ottiene le indicazioni migliori da Pasi, tanto vivace ed ispirato sin dall’avvio quanto difficilmente inseribile al momento nella formazione tipo che vedremo in campo durante la stagione. Il ragazzo cerca in varie occasioni il gol agendo da esterno sinistro e riesce a togliersi la soddisfazione al 22′ capitalizzando un buon traversone di Ceccarelli con un pregevole stop smarcante che lo lascia libero di battere a rete. Il raddoppio porta invece la firma di un Cacia ancora molto indietro per condizione fisica ma che poco prima della pausa insacca di testa un cross invitante di Troianiello da pochi passi. Il bomber designato però non convince neanche a livello di inserimento negli schemi e concentrazione al punto che negli ultimi istanti del primo tempo si fa neutralizzare un rigore calciandolo con poca potenza e precisione. Il tecnico Lopez cerca di porre Cacia al centro dell’universo rossoblù modificando il canonico 4-3-3 anche in 4-2-3-1 con Casarini e Matuzalem a comporre la diga di centrocampo ma alla fine è quasi sempre Laribi ad abbassarsi per cercare di far partire l’azione sfruttando anche una condizione atletica decisamente migliore frutto del lavoro fatto con il Sassuolo.

Nonostante il livello degli avversari però il Bologna si trova anche in fase di copertura con i reparti spesso troppo staccati e la difesa costretta ad affidarsi all’abilità dei suoi singoli interpreti. La coppia di centrali formata da Radakovic e Ferrari resta in campo per tutto l’incontro crescendo di colpi con il trascorrere dei minuti ma lascia parecchie perplessità se costretta a confrontarsi con attaccanti più cinici, esperti e talentuosi. Non è un caso infatti che persino il Rimini riesca a trovare la via del gol sfruttando una disattenzione dell’intero pacchetto arretrato rossoblù che anche sugli esterni sembra non avere alternative a Morleo e Ceccarelli vista l’immaturità di Masina, l’inaffidabilità di Abero e la sempre più grave involuzione di Garics. Pur avendo condotto una campagna di mercato numericamente importante, al momento il Bologna sembra ancora un cantiere aperto in cui mancano pedine fondamentali sia tra i presunti titolari sia tra le riserve che, in un campionato sfiancante come la Serie B, possono avere un ruolo determinante. Se davvero si vuole rendere credibile l’ipotesi di un ritorno in Serie A c’è bisogno di piazzare un’accelerazione nelle ultime due settimane a disposizione sia sul mercato che nel lavoro settimanale per dare a questa squadra un’identità tattica al momento assente.

RIMINI: Dini, Versienti, Verdone, De Martino, Cacioli, Di Maio, Masini, Torelli, Gambino, Ricchiuti, Pera. All.: Campilongo. Sono entrati: Carezza, Brandi, Calori, Di Nicola, De Lacerda, Palumbo, Bussaglia, Guastamacchia, Abderrahmane, Andessi.

BOLOGNA: Coppola (46′ Stojanovic); Ceccarelli (62′ Garics), Radakovic, Ferrari, Morleo (78′ Masina); Casarini (69′ Djokovic), Matuzalem (78′ Friberg), Laribi (62′ Zuculini); Troianiello (57′ Giannone), Cacia (57′ Bentancourt), Pasi (57′ Abero). All.: Lopez.

ARBITRO: Sacchi di Rimini.

MARCATORI: 24′ Pasi (B), 40′ Cacia (B), 55′ Pera (R).

NOTE: al 45′ Dini para rigore a Cacia.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *