Bologna-Cittadella 1-0, le pagelle


Le pagelle della meritata vittoria del Bologna contro il Cittadella. I rossoblù sono tornati a vincere in casa dopo sei mesi di astinenza

– di Massimo Righi –

Francelino Matuzalem, oggi uno dei migliori in campo

Francelino Matuzalem, oggi uno dei migliori in campo

Coppola 6 – Compie alcune parate sicure, sembra che stia acquisendo fiducia. In una circostanza, il palo aiuta.

Ceccarelli 6 – Spesso beccato, a tratti spaesato, sbaglia qualche appoggio. Nella ripresa è meno impreciso e nel finale chiude bene.

Oikonomou 6,5 – Che sia lui il partner giusto per Maietta al momento? Così pare. Il greco è sicuro, sbanda raramente e mette il fisico quando serve.

Maietta 6,5 – La sua leadership è indiscussa ma senza dubbio la maggior sicurezza per la presenza di Oikonomou, lo aiuta parecchio quando c’è da sbrogliare un pericolo.

Morleo 6 – Più disinvolto di martedì; quando parte in velocità, al marcatore serve almeno una vespa per stargli dietro. Guadagna falli e aiuta in entrambe le fasi.

Buchel 6,5 – Cresce insieme alla squadra e aiuta la mediana in termini di fiato e palloni smistati. In più, mette in mostra il suo buon tocco di palla, che non guasta di certo.

Matuzalem 7 – E’ un altro giocatore. Corre, rincorre, comanda, richiama, smista il gioco, da aria alla manovra e conquista moltissimi palloni. Sta entrando in condizione e si vede. (Dal 75’ Bessa 6 – Dà il suo contributo da mezzala. Lotta su diversi palloni e cerca sempre la cosa più facile da fare, encomiabile).

Casarini 6 – Come al solito è generoso e combattivo. È efficace anche se non sempre è preciso. Esce malconcio a inizio ripresa. (Dal 48’ Zuculini 7 – Dopo Matuzalem è stato recuperato anche lui. Quando entra, il centrocampo sale d’intensità e di grinta. Non sciupa mai, si propone sempre, lotta come un leone e soprattutto, non perde la testa)

Laribi 6,5 – Deve fare il trequartista, ormai è chiaro. Si propone e fa da congiunzione fra mediana e trequarti. Cuore e polmoni, insegue un sacco di palloni e fa pure gol, decisivo, il primo in rossoblù. Chapeau. (Dall’87’Pasi s.v. – Concede la standing ovation al match winner).

Cacia 6,5 – E’ il riferimento dell’attacco. Stavolta non si pesta i piedi con Acquafresca, ma fa tanto gioco e confeziona l’assist per il 2-0 a Laribi che però non è freddo a sufficienza. Fa un lavoro di squadra decisivo ma scompare un po’ sotto porta: peccato per il palo clamoroso da due passi. Ma il bomber c’è.

Acquafresca 5,5 – Sempre un po’ troppo timido, ma fa piccoli passi avanti. Di certo lotta con più convinzione e non si nasconde più fra gli avversari, ma si propone e cerca anche di liberarsi al tiro. Per avere il 6, serve più peso in zona gol…

Lopez 6,5 – La sua creatura sta prendendo forma. “I ragazzi lavorano” ha sempre detto, anche alla noia, ma il mister forse non aveva tutti i torti. La squadra infatti non molla niente (altro epiteto caro al mister) e non si risparmia, proprio come vuole lui. Col Cittadella serviva dare continuità ed è stato così. Passi avanti importanti e meritati.

Cittadella 5 – Colpito a freddo da Laribi dopo nemmeno due minuti, il Cittadella non riesce mai a prendere in mano la partita con decisione e per lo più subisce il Bologna. Si accende a tratti la macchina di Foscarini che impegna Coppola in rare occasioni, ma evidentemente i suoi uomini non erano nella migliore condizione. Non pervenuto o quasi Sgrigna, solitamente spina nel fianco degli avversari.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *