Bologna-Empoli 2-3, le pagelle


I gol di Brienza e Destro non bastano ad evitare il ko al Bologna. Taider ci prova fino all’ultimo, male Crisetig e la difesa

– di Luigi Polce –

Mirante 6: apre la sua serata rispondendo presente su una sberla di Maccarone dalla distanza. Poi la difesa cola a picco, e lui può farci poco

Rossettini 5,5: soffre maledettamente le sortite di Maccarone, ritarda la chiusura in occasione del primo gol di Pucciarelli quando la sua deviazione è decisiva per battere Mirante. Prova a dare il suo contributo in attacco con la specialità della casa, il colpo di testa, ma stasera non riesce la magia come contro Napoli e Genoa

Serataccia per la coppia di centrali Gastaldello-Oikonomou (ph. zimbio)

Serataccia per la coppia di centrali Gastaldello-Oikonomou (ph. zimbio)

Oikonomou 5: partita da dimenticare per il centrale greco, reo di diversi errori di disattenzione fin dal primo pallone della partita, controllato in maniera poco ortodossa e profetico di quella che sarebbe stata la sua gara. Nel finale perde la testa e meriterebbe il rosso per una manata a Livaja

Gastaldello 5: leggi sopra. Non riesce a governare la difesa, Maccarone sembra Suarez e fa quello che vuole in mezzo all’area di rigore rossoblù

Masina 5: Pucciarelli lo fa diventare piccolo piccolo, nonostante la disparità fisica in favore del terzino rossoblù. Appuntare e fare tesoro di questi errori

Taider 6: è l’ultimo a mollare, propositivo soprattutto nella ripresa quando però in pochi lo seguono. Segnali che confermano una crescita progressiva dopo un iniziale periodo poco brillante

Crisetig 5: sfrutta male, o meglio non sfrutta la squalifica di Diawara. Il centrocampo del Bologna è irriconoscibile: non fa né gioco né filtro, lui dovrebbe essere il faro della squadra e invece non si vede praticamente mai (56’ Falco 5,5: si piazza alto a destra e prova a dare maggior brio alla manovra del Bologna. Incide poco)

Donsah 5,5: quantità e confusione: questa in estrema sintesi la partita di Godfred, che spiega il motivo per cui Donadoni nelle ultime uscite lo aveva lasciato a guardare (72’ Pulgar sv)

Mounier 5,5: punge poco, va a sprazzi. Non è più quello di inizio stagione, la luce in fondo al tunnel che ha imboccato il francese per ora non si vede (85’ Mancosu sv)

L'esultanza di Destro in occasione del momentaneo 2-2 (ph. zimbio)

L’esultanza di Destro in occasione del momentaneo 2-2 (ph. zimbio)

Destro 6,5: Il più pericoloso dei suoi, firma il quinto gol stagionale sfruttando un’indecisione della difesa empolese e impegna severamente Skorupski nella ripresa, che grazie anche all’ausilio della traversa riesce a neutralizzare il suo colpo di testa

Brienza 6,5: parte alto nel tridente, sigla il pareggio con una gran botta su punizione da distanza molto favorevole. Con l’uscita dal campo di Crisetig arretra in regia

All. Donadoni 5,5: 13 punti in 7 giornate sono un bottino comunque positivo, ma la gestione del match di stasera appare quantomeno rivedibile. Ha dalla sua l’attenuante delle tante assenze, ma ai punti il collega Giampaolo gli dà una bella lezione

Empoli 7: gioca un calcio meraviglioso e vince meritatamente una partita che rischiava di non portare a casa solo causa sfortuna. Coglie la quarta vittoria consecutiva in serie A, non era mai successo nella sua storia, confermandosi rivelazione di questo campionato

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *