Bologna contro l’Inter per vendicare l’eliminazione del 2013


Dopo quattro anni il Bologna può vendicare l’eliminazione dell’allora squadra di Pioli. Solo sconfitte per i rossoblù contro l’Inter in Coppa Italia

– di Marco Vigarani –

Questa sera il Bologna ha un appuntamento galante con una sfida storica del calcio italiano. Per la 70esima volta esatta infatti i rossoblù faranno visita all’Inter ed in particolare questa gara avrà un significato in più: consentirà alla vincente di accedere ai quarti di Coppa Italia. Nelle parole della vigilia entrambi i tecnici sembrano puntare al bersaglio ma l’organico nerazzurro e la storia di questo incontro sembrano indicare un solo possibile risultato. Il Bologna quindi non dovrà sfidare solo una classica corazzata del calcio italiano ma anche tutto il peso di precedenti negativi e, numeri alla mano, anche il miglior tecnico passato da Casteldebole negli ultimi 15 anni.

Pioli ai tempi di Bologna (ph. playbologna)

Stefano Pioli è il grande ex della sfida di stasera tra Inter e Bologna (ph. playbologna)

I nerazzurri di stasera non sono più quelli affrontati a settembre in quel pomeriggio che regalò un buon pareggio al Bologna: oggi la squadra meneghina arriva da un filotto di cinque vittorie consecutive e sembra davvero rigenerata dal cambio di guida tecnica. Stefano Pioli, capace di conquistare 51 punti nel 2012 alla guida dei felsinei, oggi ha preso saldamente il timone dell’Inter e sembra essere in grado di condurla fuori dalla burrasca di una stagione nata sotto una cattiva stella. Tatticamente il tecnico parmense ha sperimentato la difesa a tre salvo poi fare un passo indietro e proseguire sul caro 4-2-3-1 con reparti più stretti e soprattutto un maggior coinvolgimento della squadra nella fase offensiva. Non è un caso che la media gol si sia decisamente alzata rispetto alla gestione De Boer e sia stata superata la totale centralità di Icardi nella finalizzazione dell’azione nerazzurra. Perisic e Candreva si sono avvicinati alla porta così come Brozovic ha ritrovato tempi di inserimento: questa Inter è una macchina da gioco sicuramente efficace che però deve registrare ancora qualcosa sul piano difensivo come dimostrato dai gol subiti per mano di Jankto e Pellissier nelle ultime giornate di campionato.

Il gol di Ranocchia che eliminò il Bologna dalla Coppa Italia 2013 (ph.ANSA)

Il gol di Ranocchia che eliminò il Bologna dalla Coppa Italia 2013 (ph.ANSA)

Abbiamo parlato anche di statistiche nere per il Bologna: ebbene i rossoblù non hanno mai strappato un risultato positivo all’Inter in Coppa Italia nè al Dall’Ara, nè a San Siro. In particolare sul terreno di gioco lombardo sono arrivate quattro sconfitte pesanti a partire dal 1988 per arrivare a quella più recente ed ancora dolorosa nell’animo dei tifosi bolognesi. Era il 15 gennaio del 2013 quando il Bologna proprio di Pioli si presentò al cospetto dell’Inter per giocarsi l’accesso alla semifinale di Coppa Italia e, capace di effettuare una doppia rimonta nei minuti finali di gara, si fece escludere dalla competizione allo scadere del secondo supplementare dalla micidiale accoppiata formata dal gol di Ranocchia e dalla papera di Agliardi. Quella delusione potrebbe essere riscattata oggi dai ragazzi di Roberto Donadoni tecnico che non ha grandi precedenti con i nemici storici nerazzurri (4 vittorie, 3 pareggi e 7 sconfitte) ma che ha un bilancio perfettamente in equilibrio con il collega Stefano Pioli il quale a sua volta può contare su un buon record contro il Bologna (4 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte). A proposito di ex poi l’unico che probabilmente vedrà il campo da titolare è Mattia Destro visto che Ibrahima Mbaye dovrebbe partire dalla panchina mentre Saphir Taider è infortunato e Robert Acquafresca è fuori rosa.

Possibile chance da titolare stasera per Gabigol (ph. Zimbio)

Possibile chance da titolare stasera per Gabigol (ph. Zimbio)

Guardando infine alle probabili formazioni di stasera, scopriamo che l’Inter potrebbe dare spazio a qualche riserva con Gabigol in particolare in rampa di lancio per un posto nel tridente dei fantasisti che assisteranno la prima punta: insieme a lui potrebbero esserci Eder e Biabiany. In porta indecisione tra Carrizo ed il giovane De Gregorio così come per il ruolo del cileno Medel che potrebbe ricoprire sia il ruolo di mediano sia quello di centrale difensivo affianco ad Andreolli. Possibile vedere l’ultimo arrivato Gagliardini dal primo minuto magari insieme a Brozovic che non potrà giocare in campionato a causa di una squalifica. Coperta estremamente corta dall’altra parte per Donadoni che ha scelte obbligate tanto in difesa con il poker difensivo Krafth-Oikonomou-Maietta-Masina quanto in attacco Destro sarà sicuramente in campo assistito da Krejci ed uno tra Di Francesco e Mounier. Possibilità in arrivo per Pulgar e Donsah nel centrocampo a tre nella speranza che la freschezza atletica e la voglia di dimostrare li portino a fare una gara all’altezza dei ben più blasonati avversari. Leggere l’elenco dei convocati e guardare i precedenti porta davvero a pensare ad una gita dall’esito già scritto ma il Bologna stasera ha l’obbligo di dare un senso più alto ad una stagione che finora non ha regalato vere emozioni ai sostenitori felsinei e che potrebbe trovare nella Coppa Italia una via per il paradiso.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *