Bologna-Pescara, le voci dei protagonisti


Dopo il pareggio ottenuto dal Bologna contro il Pescara parlano il presidente Tacopina, il tecnico Lopez ed i rossoblù Maietta e Sansone

– di Marco Vigarani –

Joe Tacopina sempre preso d'assalto dai tifosi

Joe Tacopina sempre preso d’assalto dai tifosi

Il Bologna interrompe la sua striscia vincente ma non l’imbattibilità che dura ormai da cinque giornate, si accontenta di un pareggio per 0-0 contro il Pescara e mette un altro punto in classifica per consolidare il suo secondo posto. Il primo a parlare, nell’immediato dopo partita, è stato il presidente Joe Tacopina che ha detto: “I ragazzi volevano vincere ma semplicemente non è stata una grande partita. È impossibile vincerle tutte, alcune gare vanno così: questo è il calcio. Andiamo avanti con la consapevolezza di essere una squadra molto forte. Il pubblico però è sempre bellissimo, il migliore al mondo per me: loro sono il nostro cuore. Di mercato non parlo perchè è materia di Corvino, ma mi sono piaciuti i giocatori nuovi così come quelli vecchi“.

Diego Lopez in conferenza stampa

Diego Lopez in conferenza stampa

In sala stampa è arrivato quindi il momento del tecnico Diego Lopez che ha spiegato: “Non bisogna accontentarsi mai ma oggi abbiamo comunque portato a casa un buon punto trovando continuità nei risultati positivi. Nelle ultime partite avevamo giocato a grande ritmo ma non tutte le gare sono uguali e non si può avere sempre la stessa intensità anche perchè bisogna tener conto anche degli avversari. Oggi il Pescara si è difeso bene con dieci uomini dietro la linea del pallone provando a farci male in ripartenza e noi soprattutto nel primo tempo secondo me abbiamo commesso troppi errori a livello tecnico rallentando il giro del pallone e facilitando quindi gli avversari a chiudere gli spazi in cui attaccare“. Interrogato poi sull’esclusione di Zuculini, egli ha detto: “Buchel stava bene e mi garantiva un’ora di gioco con grande forza fisica e tecnica così come Casarini. Volevo giocatori più tecnici contro il Pescara e ho fatto questa scelta dettata anche da quello che vedo sul campo. Zuculini però sta bene e non è stato assolutamente bocciato“. Il Bologna nel secondo tempo ha cambiato anche modulo: “Ci siamo schierati con il 4-3-2-1 – illustra Lopez – con Mancosu e Sansone liberi di giocare dietro la punta. È un modulo che abbiamo già provato altre volte ma che non comporta un cambiamento definitivo, anzi credo che i cambi tattici si facciano solo quando le cose vanno male come all’inizio dell’anno quando abbiamo abbandonato il 4-3-3 perchè non funzionava“. Le ultime battute sono riservate ai nuovi innesti: “Mbaye ha 20 anni ed un potenziale enorme quindi dobbiamo inserirlo con calma e Mancosu sono sicuro che farà molto bene. Serve tempo affinchè anche i ragazzi si conoscano ma devo dire che in un periodo difficile come quello del mercato avevo paura ed invece il gruppo è stato solido conquistando punti importanti“.

Gianluca Sansone, nuovo attaccante del Bologna

Gianluca Sansone, nuovo attaccante del Bologna

In mixed zone è stato poi il turno del difensore Domenico Maietta che ha detto: “Queste partite a volte si possono sbloccare grazie ad un episodio che purtroppo non è arrivato ma ci prendiamo il punto guadagnato ed il secondo posto visto che il Carpi sta facendo un campionato a parte e comunque alla fine salgono due squadre in Serie A. A volte in passato abbiamo perso partite come quella che invece oggi abbiamo pareggiato, da difensore dico che siamo stati bravi a limitare le loro ripartenze cercando poi di manovrare aprendo il gioco sulle fasce però non è arrivato il gol“.

Infine la parola è passata alla punta Gianluca Sansone che ha dichiarato: “Personalmente posso dire che era da marzo che non giocavo una partita intera e ho accusato la stanchezza solo nel finale: ho cercato di dare tutto per la squadra anche da trequartista. Dobbiamo essere soddisfatti di questo punto perchè a volte ci sta di pareggiare a maggior ragione contro una squadra che finora in trasferta aveva fatto molto bene. Siamo consapevoli che tutte le prossime avversarie punteranno a chiudersi e quando non si riesce a sbloccare il risultato ogni punto è guadagnato“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *