Bologna, prima i ritocchi: Ajeti, Petkovic o Faragò


Il Bologna sta pensando a qualche ritocco per la rosa di Donadoni: dallo svincolato Ajeti ai talenti Faragò e Petkovic. Offerte per Morleo e Rossettini

– di Marco Vigarani –

Formalmente il ds Bigon ha già mantenuto la sua promessa mettendo a disposizione di Donadoni un paio di volti nuovo per il ritiro, in realtà sta lavorando alacremente per incrementare gli innesti in vista della partenza per Castelrotto. Mancano ancora quasi due settimane all’inizio del ritiro vero e proprio e sicuramente entro metà luglio le macro-strategie saranno più chiare: in pratica si saprà se contare ancora su Diawara o meno. È un obbligo morale nei confronti del tecnico per non metterlo subito in difficoltà nella costruzione dell’identità tattica del suo Bologna. In questo lasso di tempo però arriveranno altri rinforzi magari non pronti per una maglia da titolare ma sicuramente in grado di conquistarsela anche in tempi brevi proseguendo nel proprio processo di crescita.

Arlind Ajeti in azione contro la Francia ad Euro 2016 (ph. Zimbio)

Arlind Ajeti in azione contro la Francia ad Euro 2016 (ph. Zimbio)

In primis c’è da definire la questione legata al difensore albanese Arlind Ajeti, ora svincolato dopo l’esperienza al Frosinone. Il profilo piace per quella cattiveria agonistica che manca ad una retroguardia rossoblù apparsa a volte carente in agonismo ma lo status di parametro zero ha attirato l’attenzione di numerose squadre. Sul ragazzo che ha da poco concluso l’esperienza di Euro 2016 ci sono sicuramente anche Atalanta e Lazio in Italia ma soprattutto nelle ultime ore è arrivata dall’estero una proposta allettante del Werder Brema: o il Bologna chiude l’acquisto in tempi brevi oppure lo perderà. Tesserare Ajeti ovviamente comporta poi cedere un centrale con Maietta sempre nel mirino del Verona e soprattutto Oikonomou apprezzato dalla Fiorentina dell’ex Corvino che però non dovrebbe farsi avanti con un’offerta concreta prima di un paio di settimane. Da Palermo invece arriva qualche dettaglio in più sul potenziale scambio di centrali Gonzalez-Rossettini: il rosanero ha chiesto con fermezza la cessione ed il club di Zamparini, non volendo perdere un giocatore senza poterlo rimpiazzare, ha proposto questa operazione al Bologna. Oggi però è difficile immaginare che si arrivi ad una fumata bianca visto che Rossettini sta benissimo al Bologna e Donadoni ha dimostrato di puntare su di lui.

Il Novara propone al Bologna il centrocampista Paolo Faragò (ph. La Stampa)

Il Novara propone al Bologna il centrocampista Paolo Faragò (ph. La Stampa)

A proposito di rossoblù in uscita, va segnalata la fitta concorrenza per Falco che piace a mezza Serie B e nelle ultime ore si è espresso in favore di un approdo all’Avellino ma ricordiamo anche la decisione con cui il Lecce si sta muovendo per arrivare a Morleo: per l’esperto terzino si tratterebbe di un doppio passo indietro di categoria a dodici mesi dalla scadenza del suo contratto con il Bologna. Il nome più interessante in uscita però è quello di Matteo Mancosu al quale sono legate operazioni in entrata che consentirebbero a Donadoni di inserire in organico un talento esploso nell’ultima Serie B. Da una parte troviamo la proposta fatta da Bigon al Trapani per ottenere uno sconto sul cartellino di Bruno Petkovic, poliedrico attaccante classe 1994 autore di 8 gol in 31 presenze l’anno scorso: in questo caso la concorrenza è folta ma si punta sulla stima che l’ambiente siculo ha ancora della punta sarda. Altrettanta è però anche la considerazione di mister Boscaglia che oggi allena il Novara e che quindi si è fatto avanti a sua volta con il Bologna proponendo uno scambio con Paolo Faragò, fisico centrocampista del 1993 reduce da un’annata da 40 presenze e 7 gol. In entrambi i casi va però sottolineato come il club felsineo dovrebbe contribuire molto probabilmente al pagamento dell’ingaggio di Mancosu a meno che non sia lo stesso attaccante a rivedere al ribasso le cifre del proprio salario.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *