Bologna sempre salvo a Natale ma mai così tranquillo


Dieci punti di vantaggio in classifica sulla terzultima a Natale sono il miglior margine dal ritorno della Serie A a 20 squadre

– di Marco Vigarani –

La festa del Bologna, che torna alla vittoria in trasferta in quel di Pescara. (ph. goal.com)

La festa del Bologna vincente a Pescara prima della sosta natalizia (ph. goal.com)

Nonostante la partita in meno da recuperare e diversi problemi di varia natura che hanno caratterizzato la prima parte della stagione, il Bologna può sicuramente vivere un buon Natale. Dall’alto dei loro 20 punti conquistati, Donadoni ed i suoi ragazzi infatti si trovano ampiamente al sicuro dalla zona pericolosa della classifica e, in attesa di scoprire tutte le potenzialità ancora inespresse della rosa, possono godersi le vacanze con animo sereno. Dieci punti sulla terzultima in classifica sono infatti un margine più che rassicurante a maggior ragione visto che il calendario rossoblù manca di una gara (quella contro il Milan) che potrebbe teoricamente incrementare ancora il gap. Dal ritorno delle venti partecipanti alla Serie A quello odierno è il miglior vantaggio mai accumulato dal Bologna sulla zona retrocessione prima della sosta natalizia, un record costruito ritoccando ulteriormente il dato già positivo dell’anno scorso. Dodici mesi fa infatti i rossoblù avevano 22 punti ma il Frosinone era sicuramente più combattivo delle attuali formazioni di bassa classifica ed era già arrivato a quota 15. A fronte di una storia recente quindi comunque piuttosto rassicurante, scorrendo gli ultimi anni di Serie A si trovano invece situazioni ben più pericolose in cui il margine di sicurezza è stato spesso minimo.

STAGIONE PUNTI BOLOGNA TERZULTIMA
2016/17 20 Palermo 10
2015/16 22 Frosinone 15
2013/14 15 Sassuolo 14
2012/13 18 Cagliari 16
2011/12 18 Novara 12
2010/11 19 Lecce 15
2009/10 17 Catania 15
2008/09 16 Torino 15
2004/05 17 Siena 16
Non inserite le stagioni in cui il Bologna militava in Serie B
Mister Donadoni (ph. Zimbio)

Donadoni ha incrementato il vantaggio sulla terzultima rispetto ad un anno fa (ph. Zimbio)

Il dato comune però è che dall’annata 2004/05 in avanti, quando partecipante al massimo campionato, il Bologna ha sempre vissuto il Natale fuori dalla zona retrocessione anche se spesso nutrendo un forte senso d’angoscia per il proprio futuro. Nelle nove stagioni considerate infatti va anche ricordato come in quattro occasioni i felsinei abbiano occupato in questo momento dell’anno appena il quartultimo posto ovvero quello più traballante quasi sempre avendo un solo punto a separarli dal terzetto cerchiato in rosso in fondo alla graduatoria. È accaduto ad esempio negli anni delle due retrocessioni quando prima il Siena poi il Sassuolo vissero le festività natalizie un gradino sotto al Bologna per poi però festeggiare la permanenza in Serie A in primavera ai danni proprio degli emiliani. Va anche ricordato che prima dell’arrivo di Donadoni il club felsineo non aveva mai mangiato il panettone sopra quota 20 punti in classifica e che il massimo margine dalla terzultima risaliva all’annata 2011/12 quando il Novara festeggiò il Natale terzultimo a 12 mentre invece il Bologna ne aveva già 18.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *