Bologna, che spreco! Il Milan in 9 firma l’impresa: decide Pasalic all’88’


I rossoblù, in doppia superiorità numerica, gettano alle ortiche una partita incredibile. Deulofeu fa lo show e regala a Pasalic il pallone della partita

– di Luigi Polce –

Clamoroso al Dall’Ara. Non ci sono altre definizioni per la gara tra Bologna e Milan, in cui succede tutto e il contrario di tutto: i rossoneri restano in 9 per i rossi a Paletta e Kucka ma rimangono a galla, complice un Bologna incapace di sfruttare il vantaggio numerico. E, alla fine, i ragazzi di Montella portano a casa addirittura l’intera posta in palio: il gol è di Pasalic a 2′ dal 90′, ma fa tutto Deulofeu, autore di una partita straordinaria. E meno male che all’Everton non giocava quasi mai.

Pasalic affrontato da Pulgar (ph. tuttosport)

La partita del riscatto. Bologna e Milan arrivano alla gara con due sconfitte casalinghe sul groppone, dalle proporzioni certamente differenti ma comunque entrambe dolorose: 1-7 col Napoli i rossoblù, 0-1 al cospetto della Samp i rossoneri. Insomma, la voglia di risorgere è enorme e l’occasione pare troppo ghiotta per non essere sfruttata. Per questo motivo Donadoni sceglie tutt’altro atteggiamento per il suo Bologna rispetto alla debacle di sabato scorso, inserendo a sorpresa Mbaye in difesa e Simone Verdi, grande ex della serata, nel trio offensivo. Montella risponde rispolverando Vangioni (alla prima da titolare) e confermando Bacca nonostante le polemiche post Samp. I rossoneri partono fortissimo, per il Bologna sembra un replay della gara col Napoli: al 5’ Krafth commette un grossolano errore su retropassaggio, regalando il pallone a Deulofeu che calcia trovando la pronta risposta di Da Costa (Mirante out per infortunio). Poi, sulla respinta, Pasalic spara in curva. Lo schiaffo non sveglia i rossoblù di Donadoni: nel primo quarto d’ora di gioco il Milan colleziona 7 corner e una supremazia territoriale netta. Accade, però, che gli uomini di Montella spariscano dal terreno di gioco senza un preciso motivo, con il Bologna che prende campo e coraggio. Al 16’ il primo squillo rossoblù, con un tiro telefonato di Verdi. Cinque minuti più tardi ci prova Krejci, autore di una gran sgroppata sul contropiede innescato involontariamente da Bacca: Donnarumma dice no in uscita. La pressione rossoblù aumenta alla mezz’ora, quando Dzemaili innesca Verdi che impensierisce Donnarumma con un tiro-cross molto potente sul quale per poco non si avventa lo stesso Dzemaili. La partita, già difficile per il Milan, si complica al minuto 38, quando Paletta stende Dzemaili lanciato a rete: Doveri non ha dubbi ed estrae il secondo giallo per l’ex Atalanta. Il Milan si mette 4-4-1, e soffre ancora nel finale di tempo: Krejci stacca sul bel cross di Krafth, ma non inquadra la porta; sessanta secondi più tardi ci prova Dzemaili dal limite, ma Donnarumma blocca a terra. Il primo tempo si chiude sullo 0-0.

Pasalic insacca il gol della vittoria (ph. Il Giorno)

Se la prima frazione aveva regalato emozioni, beh, non avevate ancora visto nulla. La ripresa, infatti, è piena zeppa di colpi di scena. Al 9’ Krafth scappa via a Vangioni e mette al centro, ma prima Destro spara addosso a Verdi e poi Nagy trova la deviazione di un difensore rossonero e, di conseguenza, il corner. Passano 120 secondi e Deulofeu, il migliore in campo dei suoi, prova ad alzare il baricentro del Milan: la conclusione dello spagnolo è bloccata da Da Costa. Al 59’, altro giro altra emozione: Kucka è autore di un’entrataccia su Nagy e si becca il secondo giallo, Milan in nove per mezz’ora abbondante di gioco. Per i Donadoni boys l’occasione è di quelle ghiottissime, il tecnico rossoblù lo sa e si scopre: entra Petkovic per Gastaldello per un Bologna a trazione anteriore. La mossa pare sortire i frutti sperati, con Krejci che al 65’ chiama Donnarumma al miracolo con un mancino da posizione ravvicinatissima. Ma il Milan ha il merito di restare in partita, in particolare Deulofeu che a 20’ dalla fine fa lo show con due azioni personali consecutive dall’altissimo tasso tecnico. Nella seconda lo spagnolo mette in porta Pasalic, che spara addosso a Da Costa. Passata la paura, il Bologna tenta di rimette il mirino sul Milan, con Verdi che prima ispira per Destro (girata alta) e successivamente, con un mancino a giro, non trova la porta per questione di centimetri. Negli ultimi dieci di gioco i rossoblù si innervosiscono perché la gara non si sblocca. Non sanno, però, che il peggio deve ancora venire e la beffa è dietro l’angolo: ancora Deulofeu, il migliore in campo in assoluto, si produce nell’ennesimo affondo sulla destra, salta Maietta e mette un rasoterra preciso che passa tra le gambe di Krafth e va a finire nel cuore dell’area, dove Pasalic tutto solo mette dentro il gol partita. Game, set, match: il Milan fa l’impresa, per il Bologna invece arriva un altro k.o. Per come è nato, ancor più pesante rispetto a quello patito contro il Napoli.

BOLOGNA – MILAN 0-1 (primo tempo 0-0)

Marcatori: Pasalic al 43′ s.t.

BOLOGNA (4-3-3): Da Costa; Krafth, Gastaldello (dal 19’ s.t. Petkovic), Maietta, Mbaye (dal 32’ s.t. Torosidis); Dzemaili, Pulgar (dal 35’ s.t. Viviani), Nagy; Verdi, Destro, Krejci. All.: Donadoni.

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Paletta, Romagnoli (dal 31’ p.t. Zapata), Vangioni; Kucka, Locatelli (dal 1’ s.t. Gomez), Pasalic; Suso, Bacca (dal 18’ s.t. Poli), Deulofeu. All.: Montella.

ARBITRO: Doveri di Roma.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *