Bologna ti presento il Genoa: Juric si affida a Simeone Jr, Lazovic e Veloso


Il Genoa arriva al Dall’Ara senza Pavoletti, Ocampos, Edenilson e Pandev. Simeone Jr. riconfermato in attacco. Juric recupera Orban, Lazovic e Miguel Veloso.

-di Luca Nigro-

Ivan Juric alla sua prima stagione sulla panchina del Genoa (ph. gazzetta.it)

Ivan Juric alla sua prima stagione sulla panchina del Genoa (ph. gazzetta.it)

Quello che scenderà domani al Dall’Ara sarà un Genoa rimaneggiato ma da prendere con le molle. Si perché la squadra di Juric, gioca un buon calcio, propositivo e offensivo. Il tecnico croato, ex bandiera genoana da giocatore, dopo le esperienze positive con Mantova e Crotone, è riuscito a trasmettere sin dal ritiro estivo la sua filosofia di gioco alla squadra. Un Genoa che in cinque partite (deve ancora recuperare la gara con la Fiorentina), ha segnato 7 reti, una in meno del Bologna, subendone appena 5, due delle quali nella sconfitta di Sassuolo. Sicuramente la sfida di domenica scorsa pareggiata con il Pescara ha lasciato degli strasichi non indifferenti, non solo in termini di polemiche arbitrali, ma soprattutto di defezioni d’organico. Pandev e Edenilson espulsi a gara in corso, saranno due assenze importanti ma non quanto quella di Lucas Ocampos, uscito nel primo tempo per infortunio. L’attaccante argentino arrivato in prestito dall’Olimpique Marsiglia, non sarà della partita. L’attacco genoano dovrà fare a meno di lui ma soprattutto di Leonardo Pavoletti. L’assenza del bomber principe rossoblù, costringerà Juric a caricare tutto il peso dell’attaco sul giovane figlio d’arte Giovanni Simeone. El Cholito andato a segno contro il Pescara, è l’unico vero terminale offensivo a disposizione ma è chiaro che a soli 21 anni, qualcosa potrebbe pagarla in termini di eseprienza. Per il resto, Juric recupera l’argentino Orban in difesa (difficile però un suo impiego dal primo minuto) Miguel Veloso in mediana ma soprattutto Lazovic a destra. Il serbo è una pedina importante nello scacchiere tattico del tecnico genoano,  soprattutto perché riesce a garantire molto bene le due fasi.

Simeone Jr. domani titolare al Dall'Ara (ph. gazzetta.it)

Simeone Jr. domani titolare al Dall’Ara (ph. gazzetta.it)

Bravo nel difendere, ma molto pericoloso in fase offensiva grazie alla sua grande corsa e ai suoi continui cross spesso tesi e tagliati. Il modulo dovrebbe essere quello visto contro il Pescara. Un 3-4-1-2 che in fase di non possesso diventa un 5-4-1. Davanti a Perin, i tre centrali difensivi saranno con ogni probabilità Gentiletti, Burdisso e Izzo. Il centrocampo a quattro sarà formato da Lazovic a destra, Rincon e Miguel Veloso in mezzo, Laxalt a sinistra. Rigoni si candida ad essere il trequartista dietro le due punte Simeone Jr. e Gakpè. In questo caso rimarrebbe fuori Ntcham. Un suo inserimento dall’inizio, cambierebbe il sistema tattico del Genoa che  altrimenti diverrebbe un 3-4-3 . A quel punto Rigoni sarebbe il sacrificato per fare spazio proprio al francese. Difficilmente però Juric rinuncerà al suo trequarti titolare, giocatore chiave per il gioco genoano perché capace di inserirsi senza palla, oltre ad essere dotato di un ottimo calcio da fuori area. Il gioco di Juric prevede linee corte, passaggi stretti e continue verticalizzazioni con scarico spesso sugli esterni. A Bologna arriverà dunque un Genoa incerottato ma non sconfitto, perché dotato di una buona qualità e di un’ottima oganizzazione di gioco. I rossoblù di Donadoni tuttavia, hanno una grande occasione da non fallire: vincere la quarta partita consecutiva in casa che significherebbe andare alla sosta con 13 punti rimanendo così di fatto nelle zone alte della classifica.

Probabile Formazione (3-4-1-2): Perin; Gentiletti, Burdisso, Izzo; Lazovic, Rincon, Miguel Veloso, Laxalt; Simeone, Gakpè. All.: Ivan Juric.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *