Bologna, ti presento la Sampdoria


La ripresa del campionato mette di fronte al Bologna la Sampdoria di Walter Zenga, reduce da un ottimo avvio di campionato. Sfida dal sapore particolare per Delio Rossi, ex allenatore della Doria ora in cerca di rivincite

– di Luigi Polce –

Comincia domenica il campionato del Bologna. Perchè evidentemente quello visto contro Lazio e Sassuolo non può essere il vero Bologna, una squadra ancora in costruzione che, grazie anche alla pausa per le nazionali, ha avuto un po’ di tempo per amalgare il gruppo dopo gli arrivi last minute di diversi colpi di mercato. Mister Delio Rossi ha avuto modo di lavorare sulla sua creatura, accantonando per il momento l’idea di 4-3-3 in favore del 4-2-3-1, modulo che dovrebbe esordire domenica alle ore 15 quando i rossoblù faranno visita alla Sampdoria.

Corteggiato da Milan e Napoli, alla fine Soriano è rimasto alla Samp (ph. Zimbio)

Corteggiato da Milan e Napoli, alla fine Soriano è rimasto alla Samp (ph. Zimbio)

Dopo l’eccellente campionato dello scorso anno (56 punti e qualificazione in Europa), la Sampdoria ha visto chiudersi il ciclo Sinisa Mihajlovic, passato sulla panchina del Milan. Al suo posto un altro ex Inter, Walter Zenga, ripartito senza snaturare completamente il lavoro del suo predecessore, e i primi frutti si sono visti: dopo la figuraccia in Europa League contro il Vojvodina, l’allenatore ex Palermo non si è scomposto e ha continuato a lavorare sul 4-3-1-2, nonostante le tante voci di mercato che interessavano i suoi migliori calciatori fino all’ultimo secondo di mercato – vedi Soriano, che non è andato a Napoli solo per una firma arrivata fuori tempo massimo -. Rimasto Soriano, lo stesso è successo per Eder, sedotto e abbandonato dall’Inter. Ne beneficerà sicuramente la truppa blucerchiata, che con i due calciatori ha un peso specifico qualitativamente più elevato. In entrata invece, tra gli altri acquisti il ritorno di Antonio Cassano, che ha creato una piccola crepa tra Zenga e il presidente Ferrero.

Eder esulta dopo la doppietta al Napoli: per lui, già 4 gol dopo 2 giornate (ph. Zimbio)

Eder esulta dopo la doppietta al Napoli: per lui, già 4 gol dopo 2 giornate (ph. Zimbio)

Durante le prime due giornate, Viviano e compagni hanno fatto vedere di aver assorbito la batosta europea, offrendo prestazioni convincenti e un calcio a tratti spumeggiante: vittoria all’esordio in casa contro il Carpi con un netto 5-2 e pareggio in rimonta a Napoli (2-2) prima della sosta, quando a Higuain rispose un Eder già in formato nazionale. Se la fase offensiva funziona a meraviglia, quella difensiva lascia qualche dubbio: la retroguardia della Samp non sembra imperforabile (4 gol subìti in due gare), ancora alla ricerca di un leader dopo l’addio di Alessio Romagnoli, anche lui passato al Milan dopo il ritorno alla Roma per fine prestito. Al suo posto un ex rossonero come Silvestre, che dovrebbe far coppia con Moisander: il centrale proveniente dall’Ajax non è ancora al meglio (ha giocato solo un minuto contro il Napoli, subentrando al posto di Eder all’89’), ma visti gli infortuni di Coda e Zukanovic sembra essere arrivato il suo momento. Sulle fasce agiranno Cassani e Regini, mentre a centrocampo insieme a Soriano ci saranno Barreto e Fernando, altro bel colpo prelevato dallo Shakhtar Donetsk. L’interessante Correa invece agirà alle spalle di Muriel e appunto Eder, per il quale il presidente Ferrero ha sparato alto (20 milioni) parlando di una eventuale cessione del n.23.

Proprio “Er Viperetta” sarà un motivo in più per Delio Rossi per provare a conquistare i primi punti della stagione su un campo mai semplice, viste le parole tutt’altro che dolci riservate da Ferrero quando il tecnico rossoblù era ancora sotto contratto con la Samp: “Fino a quando qualche benemerito non avrà pietà di me e assumerà Rossi per farlo lavorare in un’altra realtà, le cose continueranno ad andare così. Spero che il tecnico sia in pace con la sua coscienza perché a incassare uno stipendio senza muovere un dito, io mi vergognerei. Mi tremerebbero le mani”.

Sampdoria (4-3-1-2): Viviano, Cassani, Moisander, Silvestre, Regini; Barreto, Soriano, Fernando; Correa; Muriel, Eder.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *