Bologna ti presento il Pescara: squadra contestata, abruzzesi in crisi nera


Il Pescara, penultimo in classifica, non ha mai vinto sul campo in 16 giornate. La squadra contestata pesantemente. Oddo si affida a Caprari e Manaj.

-di Luca Nigro-

Massimo Oddo alla sua prima panchina in serie A (ph. zimbio)

Massimo Oddo alla sua prima panchina in serie A (ph. zimbio)

Peggio anche del Palermo. Il Pescara di Massimo Oddo, nonostante abbia due punti in più in classifica rispetto ai rosanero, è la peggior squadra della serie A. Il motivo? Non ha mai vinto una partita sul campo in 16 giornate. L’unica vittoria, è arrivata a tavolino alla seconda giornata contro il Sassuolo. Per il resto 5 pareggi e ben 11 sconfitte. I numeri parlano chiaro: gli abruzzesi hanno il terzo peggior attacco e la quarta difesa più battuta del campionato. Una squadra in profonda crisi di risultati che non è mai riuscita a uscire in questi due mesi dagli ultimi tre posti della classifica. Per rendere un’idea del momento del Pescara, basta dara un’occhiata alle ultime 8 partite in cui la formazione di Oddo ha una striscia di 7 sconfitte e un solo pareggio rimediato nei minuti di recupero contro il Cagliari due settimane fa. La sconfitta subìta a Crotone domenica scorsa, ha fatto  perdere la pazienza ai tifosi. Durante la cena di Natale organizzata dalla società con staff tecnico, giocatori e sponsor, c’è voluto l’intervento delle forze dell’ordine per arginare l’ira dei tifosi che già con sputi e calci alle macchine, avevavo accolto i calciatori al loro arrivo. Un clima tesissimo che si presume duri almeno fino al 90esimo di domenica. Tutto dipenderà dal risultato: se il Pescara dovesse uscire ancora sconfitto dall’Adriatico, con ogni probabilità la contestazione dei tifosi proseguirà senza sosta. Oddo, mai messo in discussione dal presidente Sebastiani, ha solo un risultato utile contro il Bologna: la vittoria. Poi il tecnico abruzzese aspetterà il mercato con la speranza di avere quei rinforzi che necessitano come il pane. Le belle trame di gioco del suo calcio di buona qualità ad oggi non sono servite. Spesso il Pescara ha ricevuto i complimenti per alcune buone prestazioni, soprattutto ad inizio stagione, ma poi ha dovuto fare i conti con la dura realtà. Un attacco che latita e una difesa che imbarca acqua da tutte le parti. La qualità del centrocampo non è bastata.

Gianluca Caprari ha realizzato 3 gol in 16 partite (ph. zimbio)

Gianluca Caprari ha realizzato 3 gol in 16 partite (ph. zimbio)

Sicuramente la partenza di Lapadula ha inciso, soprattutto perché non è stato sostituito a dovere. Rej Manaj, Pepe, Mitrita, Pettinari e il lungodegente Bahebeck, hanno fin qui deluso. L’apporto di Aquilani, non ha sortito gli effetti sperati.  Anche capitan Memushaj, Verre e Brugman, grandi protagonisti della promozione, vanno ad intermittenza. Soprattutto il mediano albanese è stato messo sotto mirino dai tifosi dopo l’ennesimo rigore sbagliato a Crotone. In difesa sono mancati Fornasier e Biraghi e qualcosa il Pescara ha pagato. Gyomber e Campagnaro non danno affidabilità. Tuttavia, qualche nota positiva c’è. Bizzarri in porta è stato autore di parecchie parate importanti. Zampano sta dimostrando di essere molto duttile e ha nelle sue corde spiccate doti offensive e lo dimostrano i 4 assist. E poi, delle tante punte impiegate, c’è Caprari. Schierato molto spesso da prima punta (non propriamente il suo ruolo), l’attaccante scuola Roma, ha messo in mostra tutte le sue caratteristiche: piedi sopraffini, generosità e ottimo tiro dalla distanza (ha già cercato la porta 52 volte e realizzato 3 gol). In chiave formazione, Oddo deve fare i conti con la squalifica di Aquilani e gli infortuni di Pepe, Mitrita e Bahebeck. Fornasier e Biraghi sono acciaccati e difficilmente partiranno dal primo minuto. Il modulo dovrebbe essere quello visto nelle ultime uscite, un 4-3-2-1 ad albero di natale che ricorda molto il Milan ancelottiano di cui Oddo fu giocatore. In porta ci sarà Bizzarri, nonostante qualche problema accusato in settimana. Linea di difesa a 4 con Zampano a destra, Gyomber e Campagnaro centrali, Crescenzi a sinistra. I tre mediani saranno Verre, Memushaj e Brugman dietro i due trequartisti Caprari e Benali. Ed ecco la novità: Caprari dovrebbe partire in un ruolo dove si trova a suo agio e l’ultimo riferimento offensivo stavolta sarà Manaj, seriamente candidato ad essere la punta titolare. Il Bologna in trasferta fin qui non ha mai centrato i tre punti. Con la dovuta attenzione e senza sottovalutare la comprensibile voglia del Pescara di dare la prima gioia stagionale ai propri tifosi, la gara di domenica all’Adriatico potrebbe finalmente sfatare questo tabù.

Probabile Formazione (4-3-2-1): Bizzarri; Zampano, Gyomber, Campagnaro, Crescenzi; Verre, Memushaj, Brugman; Caprari, Benali; Manaj. All.: Massimo Oddo.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *