Bologna, ti (ri)presento il Torino


Il Torino è reduce da due successi consecutivi, e arriva a Bologna per trovare continuità e migliorare il proprio score lontano dall’Olimpico

– di Luigi Polce –

Vives fissa il punteggio sul 2-0 nella gara di andata (ph. toronews)

Vives fissa il punteggio sul 2-0 nella gara di andata (ph. toronews)

La prima delle ultime sei fatiche che attende il Bologna in questo finale di campionato mette i ragazzi di Donadoni di fronte al Torino. All’andata i granata vinsero per 2-0 contro un Bfc privo di Mattia Destro, in una delle versioni probabilmente più sbiadite della squadra rossoblù offerte sin qui in stagione: troppo molle, timida e arrendevole la banda di Mirante e compagni per poter pensare di portare via dall’Olimpico un risultato positivo. Un girone dopo, ecco di nuovo una gara dai tratti insidiosi. Perché il Torino, dopo un periodo complicato fatto di 3 ko e 2 pareggi tra il 21 febbraio e il 20 marzo (un po’ sulla falsariga di quanto fatto dal Bologna), si è riscattato nelle ultime due uscite con un doppio 2-1 a forti tinte nerazzurre: prima Inter (a San Siro) e poi Atalanta le vittime in questione, due match che hanno portato in dote al Toro sei punti utili per scacciare via i cattivi pensieri e mettere il muso davanti al Bologna, fermo a 37 punti e a 2 lunghezze proprio da Belotti e soci. Eccezion fatta per l’affermazione di Milano poco sopra citata, il Torino è una squadra che ha fatto tendenzialmente fatica fuori casa in questa annata: il bilancio parla di un punto esatto a partita, 15 su 15 uscite frutto di 4 successi, 3 pari e 8 sconfitte, con 18 reti realizzate e 24 incassate.

Belotti, miglior marcatore stagionale del Toro con 9 reti (ph. zimbio)

Belotti, miglior marcatore stagionale del Toro con 9 reti (ph. zimbio)

Il miglior marcatore stagionale della compagine di Ventura è Belotti (in gol anche all’andata) con 9 reti, segue Immobile a quota 5 dopo che l’attaccante napoletano ha fatto ritorno sotto la Mole in gennaio, permettendo così la partenza di Quagliarella verso Genova, sponda Samp. Immobile però non ci sarà domani per l’infortunio che gli ha negato anche l’ultima convocazione in nazionale, presente regolarmente invece Belotti in coppia con Maxi Lopez, a segno contro l’Atalanta nell’ultimo turno. A completare il consueto 3-5-2, vero e proprio marchio di fabbrica di Giampiero Ventura, ci saranno Bovo, capitan Glik e Moretti nella difesa a protezione di Padelli. Bruno Peres e Molinaro agiranno sugli esterni, mentre in mezzo assieme a Vives e Benassi dovrebbe rivedersi Baselli, uscito malconcio dalla partita contro l’Atalanta. “A Bologna cercheremo di dare continuità alle nostre prestazioni e ai risultati: il nostro obiettivo a fine anno è avere le idee chiare su quanto è stato fatto e analizzare gli errori commessi per non ripeterli. Dobbiamo rendere l’annata importante sul piano delle cose che ci può insegnare. Il Bologna? Ha fatto buoni risultati, poi ha avuto un periodo di appannamento, ora si è ripreso. Sarà una sfida stimolante perchè andremo a verificarci dal punto di vista dell’approccio, della voglia, della consapevolezza e dell’umiltà. Se centreremo questa verifica sarà molto importante”, le parole di Ventura nella conferenza stampa di presentazione della gara, terminata proprio qualche minuto fa.

Torino (3-5-2): Padelli; Bovo, Glik, Moretti; Peres, Baselli, Vives, Benassi, Molinaro; Maxi Lopez, Belotti.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *