Bologna-Trapani, le voci dei protagonisti


A seguito della vittoria del Bologna sul Trapani, hanno parlato il presidente Tacopina, il tecnico Lopez ed i giocatori Laribi e Ferrari

– di Massimo Righi –

Joe Tacopina è tornato a Bologna

Joe Tacopina è tornato a Bologna

Al termine della grande prestazione del Bologna, ha parlato il presidente Joe Tacopina all’uscita dalla Terrazza Bernardini che ha dichiarato: “È presto per parlare della Serie A, ma la squadra sta giocando davvero molto bene e soprattutto mette in campo tutto quello che ha dentro e questa secondo me è la cosa più importante. I complimenti quindi vanno a Lopez e a Fusco ma anche a tutti i ragazzi che mi rendono davvero molto orgoglioso. Nella mia testa anche dopo il gol del Trapani non avevo dubbi riguardo al fatto che avremmo recuperato ma quello che conta davvero è che anche i giocatori lo sapessero. Il Bologna oggi ha dominato la partita e sapeva sin dal principio che l’avrebbe fatto: si leggeva sulle facce dei giocatori e si respirava nell’aria. Ancora una volta per questo devo fare i complimenti ai nostri grandi tifosi che hanno guidato tutti noi ad una reazione da grande squadra, che sa vincere e che ha fiducia nei propri mezzi. Il gruppo è giovane ma ha consapevolezza della propria forza ed ora tutto inizia a girare al meglio, i singoli si stanno esprimendo come una vera squadra ed è quanto di meglio possa sperare”. C’è anche una battuta riguardante il possibile ingresso in società di Claudio Fenucci che oggi ha lasciato il CdA della Roma: “Per noi sarebbe una straordinaria opportunità – dice Tacopina – poter contare su Claudio Fenucci qui al Bologna. È un mio grande amico e soprattutto un manager di primo livello ma per ora è sotto contratto con la Roma”. Interrogato poi sul possibile rigore su Cacia, egli glissa per parlare della bellezza della serata appena vissuta e dell’esordio al suo fianco della figlia: “Ho imparato che è meglio non rispondere a domande sugli arbitri: lascio l’incombenza a Lopez e Fusco. Però posso dire che ho sofferto molto stasera. I cinque minuti di recupero sono stati i più lunghi della mia vita e sono durati come quindici ma anche mia figlia Olivia si è divertita nonostante le tormentassi i capelli da dietro per il nervosismo. Si è goduta questa grande atmosfera del Monday Night al Dall’Ara: sembrava di essere in Champions League”.

Lopez nel post Bologna-Trapani

Lopez nel post Bologna-Trapani

Dopodiché, ha parlato il tecnico rossoblù Diego Lopez: “All’inizio della stagione quando andavamo sotto di un gol non reagivamo, ora invece sì, continuiamo a giocare e a far correre il pallone; forse quella di stasera è stata la nostra miglior partita fino ad oggi. Siamo consapevoli di poter fare bene sia in casa sia fuori, stiamo crescendo e possiamo crescere ancora, ma adesso dobbiamo pensare a rimanere umili perché siamo sulla strada giusta. Da domani penseremo subito al Livorno, ogni partita va preparata con grande cura. La classifica? Non la guardo, non montarci la testa, continuando rispondere sul campo. Acquafresca? L’ho ritrovato a Bologna dopo diversi anni, ma io e Fini lo conosciamo bene e pensavamo di poterlo recuperare. È stato bravo lui per come ha reagito e ora con Cacia sta dimostrando di formare una coppia in grado di coesistere. Avere due attaccanti così è per noi un gran vantaggio”. Infine una battuta sul saluto di Tacopina e sul pubblico: “Il presidente è venuto negli spogliatoi a farci i complimenti e ci ha fatto piacere. Il cambio ai vertici ha ridato entusiasmo alla piazza e siamo contenti ci sia più gente che viene a vederci, anche se anche prima il supporto del pubblico non era certo mancato”.

In mixed zone sono poi intervenuti Laribi e Ferrari. Ecco le parole di Laribi, che si è presentato con un gallo di plastica: “Sul gol è stato bravo Cacia a darmi un pallone al bacio. Stasera abbiamo creato tanto e anche io ho fatto la mia parte. Il Trapani non ci ha creato molti problemi, anche se abbiamo avuto paura di non vincere ma abbiamo ripreso la partita giocando molto bene. Il rigore? Forse c’era, ma l’arbitro non l’ha dato e abbiamo continuato a giocare per vincere. Ora ci sono Livorno e Carpi, che dovremo affrontare con il piglio giusto, come abbiamo fatto oggi. Il gallo? È un mio portafortuna, lo porto con me dall’anno scorso”. Infine, le dichiarazioni del giovane difensore Alex Ferrari: “Dopo il gol abbiamo reagito da grande squadra, dobbiamo continuare così per puntare alla A. Il Trapani non ci ha creato grossi problemi, abbiamo giocato con tranquillità anche se alla lunga siamo un po’ calati. Con Maietta mi trovo benissimo, giocare con lui è più facile, ha grande esperienza; tutto il gruppo è pronto per mettere in difficoltà il mister nelle scelte, così si dimostra di essere una grande squadra. Adesso pensiamo subito al Livorno, cercando di continuare a vincere e mantenere il primo posto. Per me giocare nel Bologna è una grande soddisfazione ed emozione, poi scendere in campo davanti a un pubblico così ti da una carica in più”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *