Bologna vincente nella sofferenza: 2-3 a Pescara


Primo successo stagionale per il Bologna che prima domina poi si fa rimontare dallo 0-3 al 2-3 giocando anche in inferiorità numerica per l’espulsione di Coppola. In gol Buchel, Acquafresca e Casarini

– di Marco Vigarani –

Entrambe le formazioni che scendono in campo all’Adriatico presentano sorprese dal primo minuto con Baroni che promuove titolare Salamon bocciando Pasquato ed il Bologna che si affida ad un inedito 4-3-1-2 in cui ritrova posto dall’inizio Acquafresca. L’impiego di due attaccanti di ruolo consente agli uomini di Lopez di aggredire con continuità la retroguardia abruzzese alleggerendo la pressione sui compagni che così ottengono maggiori spazi non sfruttandoli però a dovere con lanci lunghi e prevedibili. I padroni di casa invece si affidano a dialoghi sporadici nello stretto o alle ripartenze sfruttando gli errori dei rossoblù che al quarto d’ora rischiano di capitolare per un errore di Maietta non sfruttato al meglio da Maniero. Al 27esimo però arriva l’episodio che spacca l’equilibrio: Buchel riceve palla da fallo laterale, guadagna qualche metro dalla trequarti e lascia partire un bolide che si infila sotto l’incrocio fulminando Fiorillo. Il Bologna sente l’energia del vantaggio, inizia a dialogare con precisione e velocità e sulle ali dell’entusiasmo trova immediatamente il raddoppio con un pallone recuperato a centrocampo che viene trasformato in un’occasione d’oro dalle giocate intelligenti di Cacia e Laribi: Acquafresca non sbaglia e torna al gol dopo due anni. Le scelte di Lopez sembrano pagare ed il Pescara accusa pesantemente il colpo sbilanciandosi spesso e finendo per subire anche la terza rete prima dell’intervallo ad opera di Casarini, lasciato colpevolmente solo dentro l’area da una marcatura a dir poco rivedibile. Si va quindi al riposo con una partita sbloccata da una prodezza di un singolo che ha regalato alla sua squadra la consapevolezza e l’energia per iniziare finalmente a mostrare quel gioco che in questo avvio di stagione è completamente mancato.

Acquafresca torna al gol a Pescara (legaserieb.it)

Acquafresca torna al gol a Pescara (legaserieb.it)

Nessun cambio in avvio di secondo tempo neanche per un Pescara che, scosso dal mister negli spogliatoi, si riversa nella metà campo avversaria dimostrando anche un certo nervosismo con due ammonizioni in pochi minuti. Al 51esimo arriva l’episodio che riapre la gara con Coppola che compie un intervento sciagurato sul colpo di testa di Salamon: il portiere invece di respingere la conclusione la accompagna in porta riportando in partita i biancazzurri. L’ingresso in campo di Pasquato poi aumenta ulteriormente la vivacità degli uomini di Baroni che appaiono rinati, convinti dei propri mezzi e pronti ad azzannare il Bologna. Poco dopo l’ora di gioco l’inerzia della gara passa definitivamente nelle mani dei padroni di casa ancora una volta a causa di un disastroso Coppola che respinge un tiro dalla distanza sui piedi di Pasquato che è lesto a cadere in area procurandosi rigore ed espulsione del portiere rossoblù. Entra quindi Stojanovic che non riesce però a neutralizzare la bomba di Maniero che regala concrete speranze di rimonta ai suoi compagni. L’inferiorità numerica fa tremare le gambe a Lopez che si copre concedendo il dominio territoriale ad un Pescara che appare a tratti scatenato soprattutto grazie alle iniziative personali di Politano. Per alcuni minuti Baroni schiera anche uno spregiudicato 4-2-4 prima che Salamon commetta un fallo ingenuo su una ripartenza di Bentancourt guadagnandosi l’espulsione e riportando la parità numerica in campo. I minuti finali sono però densi di sofferenza e in un paio di occasioni deve intervenire con sicurezza Stojanovic a sventare i pericoli creati dagli avversari che vedono anche un autopalo colpito da Ceccarelli ma non riescono a pervenire al pareggio.

Il Bologna esce quindi vittorioso dal campo di un Pescara che sembra ancora indietro nella costruzione dell’identità di squadra ma che ha individualità sicuramente importanti ancora tutte da assemblare. I rossoblù hanno dimostrato di saper trarre il massimo vantaggio da una situazione positiva come il vantaggio, ma di non essere ancora abbastanza maturi per gestirlo con serenità. Per Lopez però la notizia migliore può essere considerata il ritorno al gol di Acquafresca, attaccante che potrebbe formare con Cacia una coppia devastante per la categoria e trascinare i compagni a suon di gol verso i piani alti della classifica.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *