Boniciolli, buona la prima con la Fortitudo


La Fortitudo torna alla vittoria regolando Arzignano in una gara tutt’altro che scontata. Boniciolli bagna il debutto come meglio non poteva e non nasconde una certa emozione

– di Massimo Righi –

Fasi di gioco fra Fortitudo e Arzignano

Fasi di gioco fra Fortitudo e Arzignano

Ritorna a sedersi sulla panchina biancoblù dopo 13 anni Matteo Boniciolli, che riprende in mano le sorti della Effe dopo averla lasciato subito dopo un derby vincente. Come dirà a fine partita il coach, contro Arzignano ultima in classifica, la partita che ne esce è tutt’altro che agevole, con la Fortitudo a gestire la partita ma senza mai riuscire a scappare, bensì soffrendo un po’ nel finale. In parterre ci sono il grande ex Vincenzo Esposito e una rappresentanza del Bologna calcio che pare averci presto gusto, con mister Lopez, seguito da Casarini, Mbaye e Laribi. Nel pre partita, gemellaggio in campo fra cori e bandiere fra la Fossa e Roseto.

Il nuovo corso Boniciolli vede in campo subito il baby Candi per Montano (febbricitante) un po’ a sorpresa. Le prime soluzioni cercate sono sotto le plance con Iannilli a segno da sotto, ma il gioco finisce presto anche sugli esterni dove Carraretto mostra subito di avere la mano calda dall’arco. Ciononostante Arzignano risponde e lo fa spesso e volentieri da 3, visti anche gli spazi concessi dalla difesa sui tiri da lontano. Al 10’ è 26-23 Fortitudo, ma la gara è apertissima. Boniciolli ruota tutta la panchina e gli unici ad uscire di scena presto sono Italiano e Samoggia, rimandati alla prossima. La palla gira fluida e in fase d’attacco si vedono anche delle buone iniziative fruttuose, ma gli ospiti non si perdono d’animo e rispondo alla grande, ricucendo sempre i tentativi di fuga dei bolognesi e chiudendo il primo tempo sotto di 8, sul punteggio di 49-41.

Nonostante Arzignano continui a macinare punti, la Fortitudo non perde lucidità e continua a trovare la via del canestro, con un super Carraretto che chiuderà a quota 29 punti (4/6 dall’arco), supportato da un Raucci uomo ovunque che oltre a segnare 18 punti, trova giocate preziose che spezzano la partita quando Arzignano spinge per rientrare. Al terzo intervallo, la Effe comanda 70-61. Nonostante nel finale Arzignano perda Bolcato (miglior marcatore con 24 punti) per falli, non si arrende e nel finale mette in seria difficoltà Bologna. Infatti la Fortitudo cicca qualche allungo, cosa che non fanno gli ospiti i quali si rifanno pericolosamente sotto, arrivano all’83-82. Dopo un sanguinoso 0/2 di Lamma dalla lunetta, un rimbalzo offensivo di platino e il glaciale 2/2 di Carraretto riportano un po’ di margine. Arzignano sigla 1/2 ai liberi poi perde un pallone topico e la partita si chiude lì. 89-83 per Bologna che cancella la settimana turbolenta con un successo.

Coach Boniciolli nel post partita

Coach Boniciolli nel post partita

Le parole di coach Boniciolli: “Inizio facendo i compimenti agli avversari di oggi. Questa partita è stata un corso accelerato per me, un Bignami della B2, nel senso che mi rendo conto che tutti verranno qua a giocarsela. Non capisco come Arzignano possa essere ultima in classifica e mi hanno detto che ci sono delle squadre molto più forti. Ho fatto i complimenti anche ai miei, avevo bisogno di questa gara per capire che tipo di campionato avrei affrontato. Sono soddisfatto per l’intensità difensiva e per la pressione che abbiamo saputo gestire in un contesto in cui loro facevano sempre canestro, ma non ci siamo stati bravi a non abbatterci. Samoggia e Italiano hanno giocato meno perché non mi hanno dato quello che volevo, ma hanno una settimana per lavorarci sopra: le gerarchie vanno confermate sul campo. Ad ogni modo sono felice di allenare questi ragazzi. Iannilli ha giocato una gara notevole e lo deve anche a Mancin, che gli ha consentito di rifiatare, mentre Raucci ha giocato una gara spettacolare. Candi? È partito in quintetto sia per l’assenza di Montano sia perché crediamo in lui, è un ’97 e secondo me deve avere il suo spazio. Carraretto ha fatto quel che sa fare e Sorrentino ha messo buona intensità sul parquet. Sono soddisfatto, ma dovremo sudare moltissimo per raggiungere l’obiettivo, di certo non mi aspettavo di certo di venir qui a passeggiare”. Infine una pa parentesi sugli ospiti e in generale: “Molti addetti ai lavori si lamentano sullo stato di salute del nostro basket, quando a Arzignano giocano elementi come Bolcato e Zanotti che potrebbero stare in serie A. Ci si lamenta che mancano dei lunghi, ma i ragazzi ci sono, basta allenarli e farli giocare”.

Fortitudo Eternedile 89:  Candi 3, Carraretto 29, Lamma 12, Sorrentino 5, Raucci 16, Samoggia 2, Iannilli 13, Candi 3, Mancin 4, Valentini 5, Italiano. All. Boniciolli

Garcia Moreno Arzignano 83: Bellato, Zanotti 15, Vencato 13, Monzardo 2, Rossetto ne, Camata 8, Bordignon 16, Bolcato 24, Battilana ne, Tuninetto 5. All. Venezia

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *