Boom di italiani in Germania: le nuove frontiere del mercato


Oltre 600 calciatori italiani in Germania, 16 in Spagna ed Inghilterra ma ce ne sono anche in Finlandia, Mongolia e Vietnam: ecco la mappa completa

– di Marco Vigarani –

Tra i tanti italiani all'estero, Balotelli riparte da Nizza (ph. Calciomercato.com)

Tra i tanti italiani all’estero, Balotelli riparte da Nizza (ph. Calciomercato.com)

Il luogo comune vuole che un italiano all’estero si sappia sempre far riconoscere, ma se ti ritrovi ad essere l’unico calciatore tricolore in Mongolia l’operazione risulta davvero elementare. Alla chiusura del calciomercato nei principali campionati europei (in giro per il mondo in molti casi è ancora aperto) facciamo il punto sulla destinazione dei calciatori italiani che non hanno trovato una squadra nella Penisola e sono emigrati o che hanno ormai scelto di rincorrere il pallone lontano da casa e non si pentono della propria decisione. Il Paese che ospita il maggior numero di calciatori provenienti dal Belpaese è nettamente la Germania che contando tutte le categorie arriva a ben 657 atleti italiani tesserati: un numero clamoroso nel quale spiccano pochi volti davvero noti al grande pubblico come Giulio Donati o l’ex rossoblù Gianluca Curci. La voglia di spingersi verso il Nord Europa lungo una classica rotta dell’emigrazione nostrana è testimoniata anche dal secondo posto della Svizzera con 576 calciatori molti dei quali in realtà però dotati solo di doppio passaporto così come i 105 che militano nel campionato di San Marino. Se l’Austria al quarto posto conferma la tendenza verso l’area tedesca, il totale di 34 italiani tesserati testimonia il gap clamoroso con i primi tre campionati citati. Subito dopo troviamo piccole realtà come Malta, Lussemburgo e Liechtenstein mentre Spagna ed Inghilterra si fermano appena a 16 atleti di nascita azzurra: i volti però sono sicuramente noti e si va da Darmian, Zaza e Ogbonna fino a Sirigu, Soriano e Rossi.

Maurizio Peluso e Davide Succi, due italiani alla corte di Materazzi in India

Maurizio Peluso e Davide Succi, due italiani alla corte di Materazzi in India

Nonostante la pubblicità generata dal passaggio di Balotelli al Nizza, gli italiani in Francia sono appena sei: insieme a SuperMario troviamo Verratti, Raggi, Thiago Motta, Battocchio ed il ben meno noto Chiari. Anche la Cina, nuovo campionato di appartenenza del multimilionario Pellè, è in realtà privo di rappresentanza azzurra visto che l’unico altro italiano è il collega Maioli, attaccante 36enne di cui però si conosce ben poco. Alcuni volti noti del nostro calcio hanno scelto l’estero per chiudere la propria carriera e ne sono un esempio Giovinco, Pirlo, Donadel e tutti gli altri che giocano tra Stati Uniti e Canada. Se il fantasista Lanzafame ha preferito unirsi agli ungheresi dell’Honved, è davvero curiosa la scelta del veterano Donati che ha scelto di tornare in Scozia per difendere la maglia dell’Hamilton Academical nove anni dopo la conclusione della sua esperienza con il ben più noto Celtic. Mesto ha preferito i greci del Panathinaikos, Succi l’esperienza esotica in India insieme a Blasi, ma ci sono scelte decisamente più insolite. Davide Cortina, centrocampista, ad esempio gioca nelle Filippine, il portiere Giacomo Ratto in Mongolia, il difensore Luigi Mariani in Finlandia ed il fantasista Giovanni Speranza ha preferito il Vietnam. Ed ancora Porto Rico, Venezuela, Lituania per un totale di 51 Paesi che ospitano almeno un calciatore professionista italiano. Nel numero troviamo anche un giovane rossoblù: il difensore Matteo Boccaccini che milita nel Zeljeznicar Sarajevo in prestito dal Brescia.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *