Bortolotti: “Delneri sta studiando il Bologna”


Dopo aver intervistato Luigi Delneri, Alberto Bortolotti racconta le sue impressioni sul possibile subentro a Delio Rossi con un commento riguardante anche il momento della Virtus

– di Marco Vigarani –

Alberto Bortolotti

Alberto Bortolotti ha intervistato Luigi Delneri in ottica di un subentro a Delio Rossi

Il Bologna è reduce da cinque sconfitte su sei gare precedute dall’eliminazione immediata dalla Coppa Italia ed ora, nonostante le smentite ufficiali provenienti a più riprese direttamente dai dirigenti rossoblù, è inevitabile iniziare a riflettere sul futuro della panchina felsinea. Alberto Bortolotti racconta le impressioni derivanti dall’intervista realizzata per il portale PlayBologna al tecnico svincolato Luigi Delneri che ha ammesso di seguire con interesse il Bologna di Delio Rossi e di vedere qualche lacuna migliorabile.

Delneri è pronto a sedersi sulla panchina del Bologna?Lui sta seguendo con grande interesse l’evoluzione della squadra rossoblù, ha già visto varie volte gli uomini di Rossi all’opera e mi ha parlato di alcuni aspetti piuttosto precisi derivanti da uno studio accurato della materia. In primis la fragilità del centrocampo, la solitudine offensiva di Destro ma soprattutto l’accantonamento di due sicuri leader come Brighi e Gastaldello. Delneri vuole rientrare nel calcio, non si sente più legato esclusivamente ad un modulo e penso che apprezzerebbe molto tornare a lavorare in una piazza importante come Bologna“.

Gigi Delneri ieri era a Brescia per assistere alla gara con il Bologna (ph. Zimbio)

Gigi Delneri sta studiando da diverso tempo le partite del Bologna (ph. Zimbio)

Quale percorso sta seguendo il Bologna oggi?La società sta replicando il modulo già visto lo scorso anno con Lopez mostrandosi restia al cambiamento di guida tecnica. Da un lato ci può essere paura di cambiare ma dall’altro anche la volontà di non investire subito un’ingente quantità di denaro per mettere a libro paga un secondo allenatore almeno fino a quando la situazione non sarà del tutto compromessa. Il rischio però in questo momento è proprio quello di cappottare“.

La sfida contro la Juventus può essere decisiva per il futuro di Rossi?A parte i messaggi ribaditi di stima nei confronti del tecnico attuale, se la società ha messo in preallarme qualche collega per avere un paracadute pronto ha fatto bene. La gara contro la Juventus però non appare un discrimine fondamentale anche se c’è il concreto rischio di essere seppelliti di gol a Torino visto che gli uomini di Allegri devono reagire per presentarsi psicologicamente rinfrancati alla sfida contro l’Inter dopo la sosta e pertanto scenderanno in campo per annientare l’avversario“.

Infine quale impressione si ricava dalla conferenza stampa congiunta di Basciano e Villalta in Virtus?Ho molta stima per entrambi ma sinceramente da una conferenza stampa mi aspetto qualche dato più preciso e pertanto mi è sembrata sbrigativa. Oggi diventa importante cercare di capire i nuovi equilibri interni in Virtus partendo dal presupposto che Basciano è un grande esperto di sport ed un ottimo imprenditore. Arriverà però un general manager che mi auguro possa avere una forte impronta di virtussinità“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *