Brescia, Entella e Ascoli vedono la Serie B


Il Parma in D ed i guai di Catania e Teramo spalancano le porte della Serie B a Brescia, Entella e probabilmente Ascoli anche se i calendari arriveranno in forte ritardo

– di Marco Vigarani – 

L'attaccante del Bologna Mancosu, qui con la maglia del Trapani (ph. Zimbio)

L’attaccante Mancosu può ritrovare a Brescia il suo mentore Boscaglia in Serie B (ph. Zimbio)

L’anno scorso, mentre il Bologna scendeva verso Perugia per dare il via all’annata di Serie B, il Vicenza scopriva di essere stato ammesso alla stagione che ha poi visto i veneti protagonisti fino ai playoff. Anche quest’anno, a causa del caos che regna nel campionato cadetto, i tempi per i ripescaggi e la compilazione definitiva dei calendari dovrebbero allungarsi fino al 25 agosto per conoscere gli accoppiamenti giornata per giornata e fino al weekend del 6 settembre per vedere in campo le prime squadre. A complicare ulteriormente la situazione ci hanno pensato infatti tre squadre che, per motivi diversi, non saranno iscritte dando il via alla consueta corsa al ripescaggio. Il fallimento del Parma ha sicuramente spalancato le porte della Serie B al Brescia che oggi si trova al primo posto nella graduatoria di merito che tiene conto non solo dell’ultima classifica ma anche della tradizione sportiva e del numero di spettatori degli anni recenti. Per le Rondinelle il ripescaggio appare ormai poco più di una formalità e dovrebbe essere certificato già martedì prossimo dal Consiglio Federale al punto che il mercato dei lombardi è già rivolto alla categoria cadetta tanto da aver bloccato il bolognese Mancosu come primo rinforzo da fornire a mister Boscaglia.

Pulvirenti e Cosentino hanno messo nei guai il Catania (ph. serieb24.com)

Pulvirenti e Cosentino hanno messo nei guai il Catania (ph. serieb24.com)

Le partite comprate dal presidente catanese Pulvirenti invece, prefigurando la responsabilità diretta del club siculo e di numerosi suoi ex dirigenti, restituirà la Serie B all’Entella che era uscita sconfitta dal playout contro il Modena anche se in questo caso ci sarà da attendere fino a Ferragosto per ottenere un primo pronunciamento ufficiale. È finito invece nei guai a causa dell’inchiesta denominata Dirty Soccer il neopromosso Teramo che, pronto ad affacciarsi per la prima volta nella sua storia alla Serie A, dovrebbe lasciare il posto a qualcun altro. Sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori è finita proprio la sfida decisiva per la promozione disputata e vinta contro il Savona e per questo iter processuale la prima data utile dovrebbe essere il 12 agosto. In caso di condanna e retrocessione, scatterebbe la corsa alla riammissione o al ripescaggio dalla Lega Pro consapevoli che la prima metodologia aiuterebbe l’istanza dell’Ascoli mentre invece la seconda rimetterebbe in gioco anche Lecce e Cittadella.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *