Brienza illumina il Bologna ed il Genoa va ko


Bologna di nuovo vincente e convincente: il Genoa finisce ko sotto i colpi di Giaccherini e Floccari. Ora la salvezza è ormai matematica 

– di Marco Vigarani – 

Giaccherini fredda Lamanna portando in vantaggio il Bologna (ph. Schicchi)

Giaccherini fredda Lamanna portando in vantaggio il Bologna (ph. Schicchi)

Dopo la tremenda scoppola ricevuta a Napoli, il Bologna torna in campo al Dall’Ara contro il Genoa per cercare un pronto riscatto. Donadoni sceglie di dare fiducia a Brienza scegliendo di cambiare modulo passando al 4-2-3-1 confermando Brighi e Taider in posizione davanti alla difesa nonostante la disfatta del San Paolo. Mezza rivoluzione anche per Gasperini che inserisce Matavz in attacco insieme alla sorpresa Ntcham ma tornano anche Ansaldi e Rincon a centrocampo. In un Dall’Ara mezzo vuoto i rossoblù partono vivaci con un buon pressing alto ed un Brienza subito al centro del gioco con un paio di invenzioni interessanti ma la perla arriva al 12′ con un filtrante prezioso che trova Giaccherini da solo nel cuore dell’area ligure. Per l’esterno rossoblù è un gioco da ragazzi controllare, mirare e trafiggere Lamanna portando in vantaggio meritatamente il Bologna e sbloccandosi dopo due mesi e mezzo di astinenza. I rossoblù mostrano un atteggiamento diametralmente opposto a quello di martedì sera e legittimano il vantaggio senza correre rischi: le linee restano compatte e pronte a pressare il Genoa che fatica tremendamente ad innescare i propri attaccanti. L’occasione più netta per gli ospiti arriva solo al 38′ con Pavoletti servito in profondità da Ntcham ma fermato con autorevolezza da Mirante in uscita. Il Genoa chiude in pressing il primo tempo ma anche Giaccherini avrebbe l’occasione per raddoppiare fallendo però il controllo al volo su illuminante lancio lungo ancora di un grande Brienza, assoluto protagonista del nuovo modulo proposto dai felsinei.

Festa e gol anche per Floccari, qui con Giaccherini e Brienza (ph. Schicchi)

Festa e gol anche per Floccari, qui con Giaccherini e Brienza (ph. Schicchi)

Subito un cambio in avvio di ripresa per Gasperini che sceglie di inserire Suso per il deludente Matavz ma il primo squillo è del Bologna con Rizzo bravo ad entrare in area accentrandosi per esplodere il mancino trovando però la parata di Lamanna. I ragazzi di Donadoni mantengono lo spirito combattivo della prima frazione senza subire troppo l’iniziativa avversaria ma prima dell’ora di gioco devono rinunciare proprio a Rizzo per infortunio inserendo al suo posto Zuniga ancora nel ruolo di esterno alto. Cambio anche per il Genoa che inserisce Capel per Laxalt ma è il Bologna a cercare la strada per il raddoppio prima con Maietta poi con Brighi. Il gol però è nell’aria e arriva al 64′ con Floccari, bravo a liberarsi in area sul cross di Zuniga sfiorato da Brienza sfruttando anche un rimpallo favorevole e freddando il portiere genoano: secondo gol in rossoblù per l’attaccante arrivato a gennaio dal Sassuolo. A questo punto per il Bologna non resta che amministrare la gara anche se Mirante fa correre un brivido lungo la schiena dei tifosi rossoblù con un’uscita dall’area avventurosa quanto imprecisa. Ultimo cambio per il Genoa che inserisce Fiamozzi per Ansaldi per il quarto d’ora finale dell’incontro, Donadoni sceglie Constant per Giaccherini ed intanto Mirante si produce in una bella parata su tiro insidioso di Izzo ma ci sono anche applausi per Brienza, protagonista di un bel contropiede. Ultimo cambio rossoblù con Ferrari che rileva Masina ma non resta che festeggiare il ritorno alla vittoria del Bologna 69 giorni dopo il successo di Udine: è il passo decisivo verso la salvezza matematica. Ora si guardi seriamente al futuro.

BOLOGNA-GENOA 2-0
BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Rossettini, Gastaldello, Maietta, Masina (87′ Ferrari); Taider, Brienza, Brighi; Rizzo (59′ Zuniga), Floccari, Giaccherini (81′ Constant). A disp: Da Costa, Stojanovic, Oikonomou, Krafth, Pulgar, Donsah, Crisetig, Mounier, Acquafresca. All.: Roberto Donadoni
GENOA (3-4-3): Lamanna; Munoz, De Maio, Izzo; Ansaldi (72′ Famozzi), Rincon, Laxalt (58′ Capel), Gabriel Silva; Ntcham, Pavoletti, Matavz (46′ Suso). A disp: Donnarumma, Sommariva, Marchese, Burdisso, Tachtsidis, Lazovic, Rigoni, Dzemaili, Cerci. All.: Gian Piero Gasperini.
Arbitro: Antonio Damato (Barletta)
Marcatori: 11′ Giaccherini, 63′ Floccari (B)
Ammoniti: Rossettini (B), Rincon, Munoz (G).

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *